QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Gestione strade lombarde, le province ribadiscono la loro centralità. Mottinelli: “Nulla senza i territori”

venerdì, 17 marzo 2017

Milano – I Presidenti delle Province lombarde si sono riuniti a Milano per fare il punto della situazione dopo la sottoscrizione recente del Protocollo d’Intesa tra Anas e Regione Lombardia (foto).

m2Ho ritenuto opportuno fare un po’ di chiarezza su quanto avvenuto e sul ruolo delle Province lombarde – ha dichiarato a margine dell’incontro il Presidente dell’Unione Province Lombarde (UPL) e della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli -. I Presidenti e i delegati all’incontro hanno condiviso all’unanimità la necessità di essere partecipi di un percorso che è stato disegnato senza l’interlocutore più importante, le nostre Province, che invece adesso, dopo il nostro intervento, sono talmente centrali che senza l’intesa dei territori non si potrà fare nulla”.

Nello specifico i Presidenti hanno esaminato la cartina allegata al Protocollo e hanno da subito evidenziato che le strade indicate da Anas e da Regione Lombardia non corrispondono a quelle che potrebbero invece essere oggetto di un eventuale passaggio: “Non può interessare solo la viabilità di recente realizzazione: anche le strade montane di collegamento interprovinciale meritano opportuna considerazione - ha sottolineato Mottinelli -. Nessuno pensi di spogliare le Province delle strade sulle quali hanno fino ad ora investito in termine di risorse finanziarie, umane e strumentali, pur in un quadro di generale difficoltà, e di lasciare le strade che invece sono più bisognose di manutenzione perché trasferite a suo tempo in non buone condizioni; dobbiamo ragionare su poche strade e con caratteristiche ben precise”.

Siamo invece interessati – ha sottolineato il Presidente – a un concorso di ANAS e RL con risorse aggiuntive per migliorare la viabilità e la sicurezza del sistema viario regionale, che deve vedere uniformità di interventi, diversamente da oggi, dove esistono strade di medesima classificazione che possono contare su contributi chilometrici diversi. La prossima settimana riuniremo un gruppo di lavoro al nostro interno che inizi a studiare il quadro normativo e le diverse implicazioni del Protocollo, vigileremo per evitare proposte non chiare e altri effetti negativi sui cittadini e per capire quali risorse aggiuntive le parti vogliono e possono garantire”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136