QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Funghi: iniziata la stagione tra Valle Camonica e Orobie Valtellinesi

venerdì, 4 settembre 2015

Aprica - Tempo di funghi nei boschi delle Orobie Valtellinese e in Valle Camonica. L’estate volge al termine. E dopo il caldo e la pioggia ecco spuntare i primi funghi.  Infatti negli ultimi giorni i cercatori hanno trovato – soprattutto nei boschi delle Orobie Valtellinesi - porcini in quantità.

E le previsioni indicano per le prossime giornate la migliore condizione per i fungiatt. Occorre prestare attenzione alle zone  e anche quelle a rischio, ai divieti e al tesserino richiesto in alcuni Comuni. Ai cercatori non resta che mettersi in moto, visto che sul versante micologico, la zona alpina e prealpina lombarda, in particolare Valle Camonica e Valtellina, è ricchissima.

DIVIETI E TESSERINI funghi 4

Nel Comune di Aprica e in quasi tutti quelli che fanno della Comunità Montana di Tirano la raccolta dei funghi non è soggetta a pagamento di permesso. Invece a Corteno Golgi (Brescia) e tutti gli altri Comuni della Valle Camonica, regolati tramite il pagamento di un unico permesso. I permessi per la raccolta si possono acquistare in alcuni esercizi pubblici. Tipo di permesso e costo: giornaliero 8 euro; settimanale 20 euro; mensile 40 euro; annuale 70 euro.  Non  devono versare alcun obolo i residenti o persone nate nei Comuni della Valle Camonica.

Secondo quanto deciso dalla Comunità Montana Valle Camonica la raccolta dei funghi nel territorio del Parco Regionale dell’Adamello, è così regolamentata:  vietata nella Zona di Riserva Naturale Integrale “Val Rabbia e Val Gallinera”, nelle Zone di Riserva Naturale Orientata “Alto CadinoVal Fredda”, “Lago d’Arno” e “Val Gallinera-Aviolo”, nella Zona di Riserva Naturale Parziale Morfopaesistica e Biologica “Adamello”, nelle Zone di Riserva Naturale Parziale Biologica “Torbiere del Tonale” e “Torbiere di Val Braone”.

Sono inoltre previsti controlli e i cercatori di funghi dovranno esibire un documento di identità, per chi risiede in Valle Camonica e quindi è esentato, oppure esibizione la ricevuta di avvenuto pagamento indicante il giorno o il  periodo di riferimento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136