QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Fondi di confine, ex Odi: domani a Breno incontro decisivo su progetti e ripartizione

mercoledì, 13 gennaio 2016

Breno –  I fondi di confine dividono le comunità e adesso si cerca una soluzione univoca: domani ci sarà un incontro decisivo per definire progetti e ripartizione di risorse.

Mancano pochi giorni per presentare i progetti, anche se ci sarà una proroga di 60 giorni come preannunciato, ma ci sono già segnali di divisioni (quasi sempre quando c’è una torta di soldi da spartire ndr.)  tra le comunità bresciane, in particolare tra Valle Camonica, Valle Sabbia e Alto Garda, ma anche tra i municipi contermini, ossia quelli confinanti, ad esempio per la Valle Camonica, Malegno, Ono San Pietro, Capodiponte, Cimbergo, Sonico e Temù.fondi di confine Mottinelli

Nell’incontro a Breno i cinque Comuni che confinano con le terre trentina – Breno, Cevo, Ceto, Saviore e Ponte di Legno- hanno prospettato di dividere i 28 milioni tra loro (ossia 5 milioni a testa) e di lasciare i restanti tre ai Comuni contermini. Quest’ultimi chiedono maggiori risorse  e una soluzione potrebbe essere trovata nell’incontro di domani.

Per raggiungere un accordo è necessario l’assenso di tutti i sindaci. Poi sui fondi ex Odi si passerà alla fase operativa (Nella foto il presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli, nel primo incontro organizzato a Brescia) 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136