QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Federturismo ed ANEF chiedono un intervento del Governo contro l’Imu sugli impianti di risalita

giovedì, 26 marzo 2015

Passo Tonale – “Siamo seriamente preoccupati”: le parole sono dell Presidente di Federturismo Confindustria Renzo Iorio e della Presidente di Anef Valeria Ghezzi. La preoccupazione è per quelle che potrebbero essere le conseguenze della recente sentenza della Corte di Cassazione che ha condannato la Sofma, società di gestione degli impianti di risalita di Arabba Marmolada, a corrispondere il pagamento arretrato dell’Imu sugli impianti di risalita.

“Nonostante l’attenzione dimostrata in questi giorni dai rappresentanti delle istituzioni è necessario intervenire per modificare una stortura legislativa che rischia di pregiudicare il futuro della montagna e l’economia dei suoi  territori. Siamo assolutamente  disponibili a pagare l’Imu sulle attività commerciali ma non sugli impianti di risalita che tra l’altro alla fine della loro vita tecnica siamo tenuti a smantellare e che spesso sorgono su terreni  non di nostra proprietà. Auspichiamo quindi – concludono i Presidenti – che il Governo si adoperi per individuare al più presto una soluzione per tutelare un comparto importante come la montagna che dà lavoro a migliaia di persone e per evitare che il settore, vessato da ulteriori imposte e costi,  rischi il collasso”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136