QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Ex Selca di Berzo Demo, al processo sentito l’ex titolare Bettoni: “Avevamo le autorizzazioni”

lunedì, 9 maggio 2016

Brescia – Deposizione di quasi quattro ore per Ivano Bettoni, ex titolare dell’ex Selca di Derzo Demo (Brescia). I due ex titolari, Ivano e Silvano Bettoni, sono accusati di traffico illecito internazionale di rifiuti. Nelle precedenti udienze erano stati sentiti gli uomini della Forestale, che intervennero nel 2011 e bloccarono un camion carico di rifiuti pericolosi. Secondo quanto ricostruito quei rifiuti provenivano dall’Australia con una nave fino a Venezia, poi con camion a Berzo Demo in camion per essere smaltiti nelle acciaierie del Nord. I Forestali hanno confermato che quei rifiuti erano pericolosi. Inoltre era stato sentito anche un ex dirigente della Selca che ha riferito che i parametri presi in esame erano differenti: per l’azienda erano nei limiti, per i Forestali fuorilegge.

selca10

I Bettoni erano già stati sentiti in passato e oggi – in tribunale a Brescia – hanno confermato dell’attività e che nessuno “aveva dato controindicazioni”. “Tutto sapevano dell’attività che svolgevamo – ha detto Ivano Bettoni – e avevano tutte le autorizzazioni richieste dai vari Enti”.

Nel 2004 il primo stop allo stoccaggio. “Però – ha aggiunto Bettoni – non ci è stato detto di bloccare l’attività e noi abbiamo proseguito, tra l’altro erano gli unici in grado a lavorare quel materiale”.  Il pm ha poi chiesto informazioni sull’accordo con l’Australia sullo smaltimento di 23mila tonnellate di scorie e dopo quattro ore è stata aggiornata l’udienza. Entro metà luglio potrebbe arrivare la sentenza di 1° grado.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136