QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Esine, riforma della sanità: preoccupati i sindacati sul futuro dei presidi camuni. Riforma sanitaria in arrivo

mercoledì, 24 giugno 2015

Esine – Un futuro tutto da costruire, in base alle scelte politiche. E’ in dirittura d’arrivo in Regione la riorganizzazione dei servizi sanitari ospedalieri e socio sanitari territoriali, e tra questi c’è la decisione sui presidi della Valle Camonica, in particolare Esine (nella foto) ed Edolo.

Le scelte devono tener conto delle necessità di residenti e turisti e il sistema sociosanitario regionale deve tenerne conto. I rappresenesinetanti sindacali di Cgil-Cisl e Uil sono preoccupati per il futuro della sanità in Valle Camonica e adesso pensano di far pressione sui consiglieri regionali da Donatella Martinazzoli (Lega Nord) a Angelo Fabio fanetti (Lista Maroni) per arrivare a Corrado Tomasi (Pd) per avere un sostiene e difendere i presidi esistenti.

Angelo Fabio Fanetti ha già espresso il suo giudizio per salvaguardare in toto la sanità. Intanto i sindacalisti  hanno espresso le loro insoddisfazioni e le carenze registrate, sia da parte degli utenti che di molti operatori dell’Asl che nonostante le difficoltà organizzative, continuano a lavorare al meglio delle loro possibilità.

POSIZIONE DELLA REGIONE 
La riforma della sanità in Lombardia arriverà in aula entro l’estate. Il vice capogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi ha dichiarato: “Abbiamo superato gli scogli più difficili sulla via dell’approvazione definitiva della riforma del sistema sanitario lombardo. La III Commissione Sanità ha infatti dato il via libera alla gran parte degli articoli che compongono il testo, fra cui quello relativo alla questione dell’Assessorato unico”. “Cambia la gestione della sanità lombarda. – conclude – Un preciso emendamento valorizza il ruolo dell’AREU alla quale competerà anche la gestione del trasporto intraospedaliero e trasporto sanitario e inoltre ci saranno maggiori controlli”. Sulla Valle Camonica la posizione è mantenere i presidi esistenti, garantendo le medesime prestazioni.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136