QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Esine, lo svincolo per l’ospedale è pronto. Domani la cerimonia d’inaugurazione

mercoledì, 27 luglio 2016

Esine – Domani si terrà l’inaugurazione dello svincolo della statale 42 del Tonale per l’ospedale di Esine (Brescia). Un’opera molto attesa e al tempo stesso travagliata per la Valle Camonica: lo svincolo è atteso da oltre un decennio e domani saranno in tanti – Anas e amministrazioni locali – a partecipare alla cerimonia.esine strada lavori

Il progetto dello svincolo ha l’obiettivo di evitare ai mezzi di soccorso di attraversare il centro di Esine, risparmiando minuti preziosi grazie ad una rotonda ed a un tratto che porterà in pochi secondi le ambulanze al Pronto Soccorso.

LE VICISSITUDINI 

Il primo progetto risale alla prima metà del decennio scorso. I lavori dello svincolo tra la statale 42 e l’ospedale di Esine vennero assegnati nell’ottobre 2009, quando l’Anas consegnò il cantiere alla Coges srl costruzioni generali di Torino. Tempo di realizzazione: 210 giorni.

Due anni dopo il contratto venne rescisso e avviata la procedura per un nuovo appalto. Quindi venne appaltata l’opera all’impresa Torrente di Parma, che subappaltò alla ditta Pedretti di Bienno. Il colpo di scena è stata la visita dei carabinieri che nel marzo del 2013 avevano sequestrato l’area perché c’erano sospetti sui rifiuti utilizzati nel cantiere. A distanza di oltre cinque anni dal primo appalto, l’Anas ha trovato le risorse e riavviato l’iter fissando la conclusione dell’opera in quattro mesi dall’apertura del cantiere. Lo scorso anno i problemi di deflusso delle acque che ha portato a infiniti incontri in Comunità Montana  per risolvere la querelle.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136