QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Esine: l’Anas fa ripartire i lavori dello svincolo per l’ospedale. Via libera dalla Conferenza di servizi

giovedì, 3 dicembre 2015

Esine – Riparte il cantiere dello svincolo di Esine (Brescia) sulla statale 42 ed entro un mese l’opera potrebbe essere completata. Il condizionale è d’obbligo per un’opera che nel corso degli anni ha avuto parecchi stop, l’ultimo a fine estate.

Il nuovo corso dell’Anas – con i cambi ai vertici – ha portato un cambio radicale e risposte concrete per gli enti locali. Oggi al termine della conferenza di Servizi, presenti il Comune di Esine, l’Anas del Compartimento di Milano, la Soprintendenza alle belle arti e paesaggio di Brescia, la Soprintendenza archeologica della Lombardia di Milano, lo STER di Brescia, la Società idroelettrica lombarda di Pisogne, il servizio Foreste e Bonifica Montana della Comunità Montana di VallecEsine2amonica, i manager dell’Anas hanno dato il via alla ripresa dei lavori con “effetto immediato”. 

Lo svincolo dalla statale 42 per l‘ospedale di Esine Vallecamonica, in entrata ed in uscita, sono a buon punto e già si intravvedeva il traguardo finale, ma c’è un problema da risolvere che il progetto non aveva potuto prendere in considerazione: il rischio in caso di piogge torrenziali di allagamenti. Oggi la conferenza dei servizi ha indicato una soluzione ed entro 20 giorni, al massimo un mese,  l’opera dovrebbe essere conclusa. Il costo aggiuntivo sarà a carico dell’Ente Strade.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136