QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Esine: il calvario dello svincolo sulla statale 42 non è ancora finito

lunedì, 17 marzo 2014

Esine – La conclusione delle opere dello svincolo delle statale 42 del Tonale e l’ospedale di Valle Camonica rischia di ritardare di altri mesi, se non anni. Febbraio era stato indicato dal compartimento Anas come data indicativa per riappaltare le ultime opere, con un importo di circa un milione. Finora non c’è traccia e potrebbe quindi ritardare ulteriormente la riapertura del cantiere.Esine2

Agli automobilisti in transito in questi giorni è apparsa una nuova visione, con le reti arancioni a lato della strada che sono state tolte e i lavori di pulizia del cantiere. Verranno anche rimossi i rifiuti. Lo stop al cantiere era legato ad una denuncia anonima che indicava la presenza nel cantiere di rifiuti pericolosi. E invece non c’era alcuna traccia. Conclusi i controlli è iniziata la pulizia dell’area cantiere. E per gli automobilisti un sospiro di sollievo per la ripresa delle opere. Ma ciò non corrisponde  al vero perché l’Anas non ha ancora concluso la procedura d’appalto, il terzo.

I lavori erano iniziati nel 2010, secondo l’Anas effettuati al 73 %, ma l’ultimazione è ancora lontana. L’Anas aveva consegnato i lavori alla Coges srl costruzioni generali di Torino e in meno di un anno dovevano essere concluse le opere. Invece ci sono state lunghe traversie e  tra appalto e sub appalti, poi con la denuncia di rifiuti pericolosi in cantiere, hanno bloccato i lavori. Il secondo appalto è stato bloccato e adesso ce ne sarà un terzo, con costi dell’opera che sono triplicati. Gli amministratori della Valle Camonica, in particolare il sindaco di Esine, Fiorino Fenini, si sono fatti portavoce della protesta, ma il cantiere è ancora fermo. Le prossime settimane, al di là della pulizia dell’area, saranno decisive per il riappalto e la ripresa delle opere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136