QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Esine, confronto sulla riforma della sanità. Rizzi: “Valorizzare le peculiarità della montagna”

giovedì, 12 novembre 2015

Esine – Un confronto serrato sulla sanità lombarda con il colpo di scena della conferenza dei sindaci che dovrebbe essere rifatta, perché il provvedimento è – secondo il direttore generale della Sanità di Regione Lombarda, Walter Bergamaschi – viziato da irregolarità.

Il presidente della Commissione Sanità del Pirellone, Fabio Rizzi (Lega Nord) , ha fatto tappa in Valle Camonica, a Esine, dove ha illustrato con accanto il direttore generale dell’Asl, Renato Pedrini, il consigliere regionale della Lista Maroni, nonché membro della commissione sanità, Angelo Fabio Fanetti, la consigliere regionale Donatella Martinazzoli (Lega Nord)  e davanti sindaci, amministratori e operatori della sanità le novità della nuova legge, in esine sanità 1particolare l’evoluzione del Sistema SocioSanitario Lombardo, l’ATS della Montagna e l’ASST della Vallecamonica.

Sono state illustrate le novità della nuova normativa e le strategie dei prossimi anni che vedranno per la Valle Camonica il passaggio con Sondrio e la Valtellina, con però un’autonomia gestionale.

Abbiamo pensato – ha detto Fabio Rizzi (Lega Nord) – un’entità della montagna, mantenendo le peculiarità dei singoli territori e salvaguardando l’autonomia“. L’ATS montana comprende Valle Camonica, Valtellina , parte delle Orobie e dell’Alto Lario. “Nella riforma della sanità – ha ribadito Fabio Angelo Fanetti, consigliere regionale ed ex sindaco di Sonico – abbiamo tenuto conto i singoli territori“.

Sulla sanità pende ora la spada di Damocle dell’illegittimità dell’elezione di Gianbettino Polonioli a presidente della conferenza di sindaci. La votazione del 6 agosto scorso è viziata e il gruppo Alpes – anche nell’incontro con Fabio Rizzi – lo ha rimarcato.sanità esine

Invece in rete prosegue la polemica. Il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli, ha evidenziato: “Sono soddisfatto per l’iniziativa del confronto con il competente Fabio Rizzi! Deplorevole invece la comparsata di cui siete protagonisti per avere contestato l’elezione del Presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Asl Vallecamonica Sebino. La peggior rappresentazione del potere regionale ! Altro che autonomia, credo che l’ATS della montagna sia una presunzione senza ragione .. se non quella politica leghista – presunta autonomista”.

La risposta di leghisti ed esponenti del gruppo Alpes non si è fatta attendere: “Non vanno messi in atto comportamenti da chi ha tentato di piegare, o meglio scavalcare, le regole per colpire chi la pensava in modo diverso”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136