QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Esercitazione del Soccorso Alpino in Alta Valle Camonica

venerdì, 13 dicembre 2013

Borno – Conclusa l’esercitazione in notturna a Borno, in Valle Camonica. Il ciclo di tre esercitazioni per l’evacuazione di impianti a fune, svoltosi anche a Temù e al Passo Maniva, messo in atto dai tecnici della V Delegazione Bresciana del CNSAS – Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, ha avuto il suo epilogo a Borno. Sono stati momenti molto importanti per testare procedure e materiali e consolidare la collaborazione tra i soccorritori e il personale delle diverse società che gestiscono gli impianti.soccorso alpino

Si tratta di una tipologia d’intervento per fortuna abbastanza rara, ma di una certa complessità: richiede infatti la presenza di un notevole numero di tecnici e tempi limitati; tutto deve svolgersi entro poche ore, per evitare che le persone coinvolte vadano incontro al rischio di ipotermia o di altre forme di disagio. Un aspetto importante infatti è anche quello della gestione delle componenti psicologiche che subentrano in questi casi: spesso si tratta di bambini, ragazzi o persone non abituate ad affrontare un’emergenza di questo tipo e a loro va quindi dedicata la massima attenzione. Tra gli aspetti più importanti di questo genere di esercitazioni vi è l’interazione con le società di gestione degli impianti, che sono già in possesso di un preciso piano di evacuazione e di strumenti, come motori ausiliari, per ovviare a ogni evenienza. In caso di necessità, per accelerare le operazioni e fare in modo che tutto si svolga nella massima sicurezza, interviene il Soccorso alpino. La Delegazione Bresciana ha a disposizione tecnici e materiali che in poco tempo possono essere dislocati su tutto il territorio della provincia, anche con l’ausilio dell’elicottero. Ed è proprio sull’impiego di questo mezzo la prossima esercitazione in programma, il 23 dicembre 2013, in provincia di Brescia, che sarà incentrata sugli interventi che possono verificarsi in ambito invernale, per esempio su valanga, su cascate di ghiaccio o altro. Areu (Azienda regionale di emergenza – urgenza) ha messo a disposizione un certo numero di ore di volo proprio per perfezionare l’addestramento dei tecnici CNSAS.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136