QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Enel, Valle Camonica: Caparini interviene sul riassetto del settore idroelettrico

venerdì, 22 settembre 2017

Esine – “Suscitano perplessità i criteri adottati dalla società Enel spa per la definizione del nuovo assetto organizzativo del settore idroelettrico nel perimetro di Brescia-Vallecamonica Sebino” – lo evidenzia l’onorevole Davide Caparini, Segretario di Presidenza della Camera dei Deputati e autore di un’interrogazione al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.

Centrali idroelettriche“Dal nuovo assetto organizzativo – continua Caparini nella sua interrogazione – emerge, infatti, una evidente penalizzazione della provincia di Brescia, all’interno dell’area nord, con la suddivisione della stessa area su due province (Unità territoriale Cedegolo e Unità territoriale Bergamo), diversamente da tutte le altre unità territoriali, che hanno invece un perimetro almeno provinciale. Dal nuovo piano di perimetrazione emerge inoltre l’accorpamento delle unità esercizio Malegno e Cedegolo, nonostante il territorio di Malegno possieda tutte le caratteristiche per continuare ad essere un’unità autonoma.

Inoltre Enel, che fino ad oggi sviluppato l’attività di guardiania delle dighe esclusivamente con personale proprio, per ridurre i costi ha adottato in via sperimentale un progetto per la gestione con risorse in appalto delle attività di guardiania delle dighe. Tale scelta, se dovesse andare a regime comporterebbe seri rischi per il territorio; il sistema di vigilanza, infatti, per essere sostenuto necessità del coinvolgimento di manutentori elettromeccanici che si avvicendano in diga con cadenza periodica, garantendo con la loro professionalità la corretta gestione degli impianti e la sicurezza delle popolazioni che vivono a valle di questi bacini. La guardiania è un’attività delicatissima per il mantenimento della sicurezza ambientale e, a parere dell’interrogante, viste anche le condizioni meteorologiche sempre più caratterizzate da eventi estremi, da presidiare con personale altamente qualificato, è necessario che sia svolta in forma diretta.”

Il parlamentare del Carroccio ha quindi chiesto ai due ministri “se il Governo intenda assumere ogni iniziative di competenza affinché Enel spa riveda le proprie scelte strategiche in merito alla definizione geografica delle Unità territoriali e Unità di esercizio, in modo da tenere il più possibile in considerazione le caratteristiche del territorio bresciano e le esigenze delle unità lavorative” e “se il Governo non ritenga opportuno valutare la possibilità di assumere ogni iniziativa di competenza nei confronti di Enel spa per far sì che il servizio di guardiania delle dighe continui ad essere svolto in forma diretta, a garanzia del mantenimento di elevati livelli di sicurezza nella gestione degli impianti ubicati nel territorio bresciano.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136