QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Efficientamento energetico degli edifici pubblici camuni: il contributo tecnico dell’Incubatore di Imprese

giovedì, 27 ottobre 2016

Cividate Camuno -È un grandissimo risultato quello ottenuto dalla Valle Camonica in relazione al bando di Regione Lombardia per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici di proprietà di piccoli comuni, unioni di comuni, comuni derivanti da fusione e comunità montane in relazione ai fondi Por fesr 2014-20: Asse IV, Azione IV.4.C.1.1 – la cui graduatoria è stata pubblicata sul BURL di Regione Lombardia nella giornata di martedì 25 ottobre 2016 (leggi qui per i dettagli).

Oltre un milione di euro le risorse assegnate ad alcuni enti locali del territorio camuno le cui progettualità sono state riconosciute da parte del Nucleo di Valutazione di Regione Lombardia tra le 84 ammesse al contributo su 206 domande presentate in tutto il territorio Lombardo.

Otto le domande di contributo camune ammesse al finanziamento delle quali sei finanziate. Grande soddisfazione espressa da Impresa e Territorio scarl, la società di gestione dell’incubatore di Imprese con sede a Cividate Camuno che ha seguito, su specifico mandato dei comuni, quattro delle progettualità candidate a valere sul bando tutte e quattro ammesse al finanziamento e tre di esse finanziate.

Si tratta di un grandissimo risultato” affermano il Presidente ed il Direttore di Impresa e Territorio scarl “frutto di un importante e qualificato lavoro portato avanti in questi mesi dalla nostra struttura e dei bravissimi tecnici che con grande professionalità hanno seguito i comuni passo passo nella non facile fase di definizione della progettualità e di presentazione della domanda”.

I comuni di Monno, Ono San Pietro, Incudine e Paisco Loveno nel settembre dello scorso anno avevano infatti individuato proprio la società di gestione dell’Incubatore di Imprese camuno per l’elaborazione dei progetti e la predisposizione di tutte le attività necessarie alla partecipazione al bando ed i risultati ottenuti sono senza dubbio di grande soddisfazione: 250.000,00 euro il finanziamento per il Comune di Monno, 126.522,00 euro il finanziamento per il Comune di Ono San Pietro e 64.647.48 euro il finanziamento per il Comune di Incudine, per un totale di oltre 440.000,00 euro. Ammesso e non finanziato il Comune di Paisco Loveno.

Quella svolta dalla società di gestione dell’Incubatore di Imprese camuno per gli Enti non è un’attività straordinaria, tutt’altro, infatti la stessa non ha nel suo dna solo lo sviluppo di nuova impresa ed il sostegno allo start-up, ma svolge altresì fin dalle sue origini anche attività di promozione di bandi di finanziamento, assistenza per l’ottenimento di finanziamenti agevolati sia per le imprese che la pubblica amministrazione e quello ottenuto in questi giorni rappresenta un grande successo, testimonianza che in questi anni di lavoro l’Incubatore di Imprese ha saputo sviluppare competenze importanti contribuendo allo sviluppo del territorio.

Diversi i progetti seguiti negli anni proprio dalla società di gestione dell’Incubatore, come ad esempio il riconoscimento del distretto Rurale di Valle Camonica, il supporto a privati nell’individuazione dei linee di finanziamento, la consulenza tecnica all’unione dei comuni della Valsaviore per i progetti relativi ai Fondi Comuni di Confine e tanto ancora.

Prima di quello odierno un altro importante risultato al quale l’Incubatore camuno aveva contribuito lo scorso anno è stato nell’ambito del fondo rete incubatori di Invitalia per il quale ha seguito la progettualità tecnica di alcune imprese private ottenendo anche in quel caso un buon successo: tre infatti le aziende ammesse al finanziamento per un totale di investimenti di euro 614.562,70 e agevolazioni concesse pari a euro 399.465,76.

Un impegno costante quello di Impresa e Territorio scarl verso il territorio e a supporto dell’economica camuna, un impegno che oggi ancor più diventa tangibile dai risultati ottenuti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136