QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Corso di Perfezionamento in Turismo sostenibile per la Montagna all’UniMont di Edolo

giovedì, 26 gennaio 2017

Edolo – Il corso di perfezionamento, organizzato in partnership dall’Università della Montagna (Università degli Studi di Milano) e dall’Università del Piemonte Orientale, è un’offerta originale che – mettendo a sistema le competenze specialistiche dei due Atenei – mira a fornire conoscenze, strumenti utili, nuovi modelli ed approcci per promuovere in modo efficace il settore turistico nelle aree montane.

Il corso propone 60 ore di confronto diretto con gli esperti del settore ed una significativa collezione di casi di successo a livello nazionale ed internazionale da cui imparare ed ispirarsi per incrementare o avviare il proprio business nel settore.

Durante il corso sarà possibile conoscere quali sono le strategie per il successo e quali le competenze necessarie affinché l’offerta turistica proposta risponda alle esigenze dei turisti e dei viaggiatori dei nostri giorni. In primo piano l’uso delle nuove tecnologie, il contatto diretto con le comunità ed i saperi locali tradizionali, le esperienze immersive ed emozionali capaci di rendere un territorio unico.Università della montagna 1

Il corso si rivolge a chi si vuole specializzare nel settore, ai giovani imprenditori, ai gestori di rifugi, di B&B, di agriturismi, di attività per la ristorazione, di servizi per il benessere e lo sport, per l’esperienza più estrema o per l’esplorazione slow, alle guide turistiche, agli amministratori locali che hanno la volontà di creare un futuro per i propri paesi e borghi, e offrirà un momento di formazione professionale e di confronto utili per saper interpretare e gestire un settore in crescita ed evoluzione, nonostante la crisi, e quindi ad alto potenziale di occupazione.

Il corso, che ha ricevuto il patrocinio di importanti enti e istituzioni, vedrà la presenza di professori universitari, esperti e professionisti che partendo da diversi profili e approcci disciplinari forniranno agli allievi un quadro aggiornato e articolato sulle più recenti prospettive di sviluppo in questo importante settore.

Le lezioni, erogate in presenza o in aula virtuale, inizieranno il 6 marzo e si svolgeranno di norma il lunedì e il mercoledì secondo due moduli orari (14:00-18:00 o 16:00-18:00). La lezione introduttiva sarà tenuta dalle due referenti organizzative del corso: Anna Giorgi, direttore del Centro Interdipartimentale di Studi Applicati per la Gestione Sostenibile e la Difesa della Montagna GE.S.DI.MONT e Leader dell’Action Group 1 della Strategia Europea per la Regione Alpina, fornirà un quadro sul turismo come settore in crescita nell’ambito delle strategie di cooperazione a livello macroregionale alpino, mentre Antonella Capriello del Dipartimento di Studi per l’Impresa e il Territorio dell’Università del Piemonte Orientale presenterà un quadro sul Marketing e management del turismo in montagna.

Seguiranno le lezioni di Gianfranco Spinelli e Davide Porporato (Università del Piemonte Orientale) dedicate al tema delTurismo Sostenibile affrontato rispettivamente dal punto di vista economico e sociale, diFranco Brevini (Università degli Studi di Bergamo e Corriere della Sera), che interverrà con una lezione dedicata al patrimonio culturale come risorsa per il turismo in montagna, di Ilda Vagge (Università degli Studi di Milano), che proporrà una riflessione su ripensare il paesaggio come risorsa turistica, di Stefania Cerutti (Università del Piemonte Orientale), che descriverà le iniziative e i progetti di organizzazione e programmazione del territorio, di Roberto Maggioni (Maggioni Tourist Marketing), che interverrà a proposito di marketing e promozione turistica, portando una serie di esempi e casi di studio dalla prassi internazionale.

Giovanni Vassena e Pietro Beretta (Pearls of the Alps) parleranno di marketing strategico nell’ambito del turismo dei borghie proporranno casi ed esperienze nelle Alpi;Flavia Cellerino(Celeber SRL) si soffermerà quindi sul turismo lento, sul turismo a piedi, sulla cultura nascosta nelle aree rurali; Alessandro Meinardi (ERSAF e Parco Nazionale dello Stelvio) descriverà il turismo dei parchi naturali, portando soprattutto l’esempio del Parco dello Stelvio; Ilaria Tonetto (Agenzia comunicazione Koinè) e Marianna Vianello (Progetto KID pass) descriveranno le tipologie di turismo dedicato ai bambini, proponendo esempi di progetti e strumenti di comunicazione strategici per l’accoglienza dei più piccoli e delle famiglie.

Tobias Luthe (Università di Coira e Scuola del Turismo Sostenibile di Ostana) terrà una relazione in lingua inglese dedicata alla resilienza del turismo di fronte al cambiamento climatico; ci saranno poi gli interventi di Claudio Smiraglia (Università degli Studi di Milano), che approfondirà il tema dei ghiacciai e della loro fruizione nell’ambito del turismo alpino, sottolineando i nuovi possibili rischi e le nuove valorizzazioni in alta montagna; di Giancarlo Dall’Ara (coordinatore dell’Accademia dell’Accoglienza) e Maurizio Droli (docente a contratto dell’Università di Udine e l’Università di Milano-Bicocca), che interverranno a proposito di alberghi diffusi, proponendo modelli e buone pratiche; Antonella Capriello (Università del Piemonte Orientale) interverrà poi sul tema del turismo silver, e Giulio Senes (Università degli Studi di Milano) porterà un contributo sulle vie storiche, sulle antiche ferrovie e sui percorsi a piedi.

Le domande di ammissione devono essere presentate entro il 9 febbraio 2017. Per informazioni rivolgersi a corso.edolo@unimi.it I partecipanti saranno selezionati sulla base della valutazione del CV. Saranno ammessi al Corso da un minimo di 17 ad un massimo di 30 candidati. Le lezioni si terranno a Unimont ed in aula virtuale, dal 6 marzo al 24 maggio 2017.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136