QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Edolo: un Allocco ferito è stato recuperato in paese da un agente di Polizia provinciale

sabato, 21 marzo 2015

Edolo – Un esemplare di Allocco (rapace notturno) con un leggero trauma è stato recuperato in una frazione di Edolo (Brescia) e trasportato al Centro di recupero di Paspardo da un agente di polizia della Provincia di Brescia (nella foto).

L’intervento è stato delicato e si è concluso con successo, confermando ancora una volta l’impegno e l’attenzione al territorio delle guardie venatorie e agenti di polizia della Provincia di Brescia.

I DATIEdolo Agente Allocco

Il 2014 è stato un anno di grande lavoro per il Cras annesso al Parco dell’Adamello. La struttura gestita dall’associazione Uomo e Territorio pro Natura – con il supporto dell’ente parco, della Provincia e Comune di Paspardo - lo scorso anno ha ricoverato 454 animali selvatici, di cui 333 uccelli, 117 mammiferi e 4 rettili.

Il maggior numero di ricoveri al Centro recupero animali selvatici sono stati i rapaci – pari a 118. Il pronto soccorso con le ali si è preso cura di esemplari di aquila reale, astore, falco pecchiaiolo, gheppio, lodolaio, poiana e sparviere. Ma anche di specie come allocco, assiolo, barbagianni, civetta, civetta nana, gufo comune e gufo reale. Specie protette, spesso ferite da colpi di fucile esplosi da bracconieri o cacciatori senza scrupoli.

Tra i mammiferi, ad aver avuto più bisogno di assistenza sono stati i chirotteri, ovvero i pipistrelli: quarantuno gli esemplari, per lo più nati da poco, curati dalle ferite riportate nell’impatto durante i primi voli precari. Inoltre sono stati effettuati interventi su ungulati, sono stati ricoverati 4 cervi, 7 caprioli e un muflone. Quasi la totalità degli animali (99%) era proveniente dal territorio provinciale di Brescia. La maggior parte degli animali ricoverati è tornato in  libertà.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136