QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Edolo: salta la legge sull’ammazza foreste, salvi i boschi camuni

mercoledì, 9 aprile 2014

Edolo – Dopo le raccolte di firme e gli appelli ai Consiglieri regionali, firmati da gran parte delle associazioni di protezione ambientale della Lombardia (tra queste Legambiente, WWF, Italia Nostra, CAI, FAI, LIPU), il Consiglio Regionale retrocede dal proposito di approvare quella che era già stata battezzata legge “ammazza foreste”: un provvedimento di modifiche e deroghe alla legislazione forestale regionale che avrebbe consentito di radere al suolo molti boschi di pianura per farci capannoni industriali, di realizzare edifici e infrastrutture stradali sui versanti montani, di liberalizzare manomissioni del patrimonio boschivo escludendo le autorizzazioni paesaggistiche e le valutazioni idrogeologiche, e che conteneva per di più un’intollerabile deroga per consentire lo svolgimento di competizioni motoristiche su sentieri e mulattiere di montagna.Valle camonica Cross e sentieri1

La legge, che avrebbe dovuto essere votata al Pirellone, invece è stata restituita dall’Assemblea Legislativa alle Commissioni Consiliare per approfondire i punti oggetto delle forti critiche degli ambientalisti.

“Siamo soddisfatti del risultato raggiunto dalla nostra mobilitazione – dichiara Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia – sappiamo che il voto per ora è solo rimandato, ma lavoreremo affinché l’istruttoria sulla legge serva a farne un provvedimento utile alla piena valorizzazione dei boschi di Lombardia, che sono una risorsa ambientale troppo preziosa per essere trascurata o abbandonata, e che deve invece fornire opportunità di sviluppo locale per i territori montani, oltre che di prelievo sostenibile di legname di qualità, che oggi la Lombardia importa dall’estero”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136