QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo: lo Shomano Norberto Midani porta il cabaret in Valle Camonica

mercoledì, 27 settembre 2017

Edolo – Ha lavorato con Gianni Rodari e Dario Fo, è stato una presenza fissa allo storico Zelig di Milano, TV e aziende nazionali e internazionali lo hanno voluto in spettacoli e convention: è Norberto Midani, uno dei re del cabaret italiano, e sarà il protagonista del settimo appuntamento nel calendario di Dallo Sciamano allo Showman, il festival della canzone umoristica d’autore che da 15 anni si svolge in Valle Camonica (Brescia).

Foto Norberto MidaniLo spettacolo, dal titolo Estate ancora a pensarci, è in programma per venerdì 29 settembre alle ore 21 al Teatro San Giovanni Bosco, in via Roma a Edolo (Brescia).

Si tratta di uno spettacolo dove il grande protagonista è il cabaret, tra ironia e musica, inteso come antica arte di far ridere il pubblico raccontando i tempi in cui viviamo. Estate ancora a pensarci è la metafora comica sulle contraddizioni della nostra attualità.

Per Norberto Midani la filosofia fondamentale di chi fa cabaret è “capire chi si ha davanti”, riconoscere il pubblico. E, dopo anni di esperienza nelle piazze d’Italia e su palchi prestigiosi, lui lo sa fare, riuscendo a giocare con i ritmi e i tempi comici del Nord come del Sud di un’Italia dalle infinite contraddizioni. Alla fine la grande rivelazione e novità è che non ci sono affatto novità, per questo converranno tutti che l’importante è sempre “riderci sopra”.

Nato per stare sul palcoscenico, Norberto Midani propone una comicità coinvolgente e sferzante, mai volgare, sostenuta da un linguaggio godibilissimo e da una gestualità straordinaria, nella convinzione che il cabaret non si possa catalogare: è musica, demenzialità, monologo, politica e chissà cos’altro.

“Cabaret - sostiene - significa innanzitutto rapporto immediato e diretto ben lontano da certe mortificazioni televisive che in alcuni casi hanno contribuito alla standardizzazione del genere”.

Il tutto narrato con l’indispensabile aiuto della musica eseguita dal vivo e con il coinvolgimento del pubblico, perché per Midani la satira è libertà di dialogare con gli spettatori per coinvolgerli in esilaranti improvvisazioni.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136