QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’iniziativa “La strada siamo noi” ha fatto tappa a Edolo. Lezione degli agenti della Stradale di Darfo

mercoledì, 18 novembre 2015

Edolo – Un incontro per ricordare le vittime della strada, ma anche di prevenzione e di corretto utilizzo dei veicoli. Il Lions Club Vallecamonica, in collaborazione con l’Associazione “Linea della Vita” e la Polizia Stradale di Darfo, ha organizzato un incontro su: “La strada siamo noi”.

L’iniziativa – itinerante sul territorio camuno ( alcuni mesi si era svolto in Val Saviore) – è avvenuta nella giornata mondiale delle vittime della strada. Nella primavera del 2011 sulla scia di sangue che ha strappato alla vita Linda ed Enea, Erika Pietti e Rosanna Pennacchio hanno fondato l’associazione Camuno-Sebina “la Linea della Vita” che vuoEdolole attuare sul territorio valligiano un progetto di prevenzione del rischio e di educazione stradale, con l’obiettivo di ridurre il numero delle vittime.

Così è anche accaduto l’altro giorno all’auditorium Don Bosco di Edolo (Brescia) con “La strada siamo noi. Insieme ricordare, insieme per cambiare”.

E’ stato proiettato il film “Young Europe”, con gli interventi di un agente della Polizia Stradale di Darfo e i responsabili dell’Associazione Camuno-Sebina.

All’incontro, che ha visto la presenza anche dei vigili del fuoco del distaccamento di Edolo, vi hanno partecipato un gruppo di giovani camuni. Un confronto aperto con l’obiettivo di ridurre incidenti e vittime sulle strade.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136