QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo: grande raduno dei Battaglioni Edolo, Tirano e Morbegno e abbraccio agli alpini. Video

domenica, 28 agosto 2016

Edolo – Migliaia di persone, gruppi, associazioni alpini hanno partecipato alla grande sfilata per le vie di Edolo (Brescia) e alla cerimonia al campo sportivo in occasione del 130° anniversario dei Battaglioni Edolo, Tirano e Morbegno. Un momento importante che ha visto unita tutta la Valle Camonica, ma all’evento erano presenti gruppi alpini di Trento, Brescia, Bergamo, Milano e  Como. Presenti autorità civili e militari.Edolo Alpini 1

“Questa giornata – ha sottolineato il sindaco di Edolo, Luca Masneri – è una delle migliori di quest’anno e due sono gli eventi che ricorderò in modo particolare: il primo è il mio matrimonio (celebrato il primo sabato di agosto ndr.) il secondo è questo raduno che in un anno siamo riusciti a organizzare”. Il raduno è stato promosso dall’Ana di Edolo, guidata da Egidio Masneri, dalla neonata associazione Adami, con in testa il presidente Silvio Calvi, in collaborazione con l’Amministrazione comunale edolese e la base logistica militare.

La sfilata ha preso avvio alle 9.30 dall’area tennis e via Gelpi, dove le autorità civili e militari, le associazioni e i gruppi si erano ritrovati. Ad aprire il corteo, abbracciato lungo le strade di Edolo, in particolare in piazza Martiri, via Porro e viale Derna da una folla – edolesi e turisti – che per l’occasione hanno raggiunto la località camuna, la Fanfara alpina che è stata applaudita nelle diverse esibizioni. Dietro la fanfara il gonfalone del Comune di Edolo e il sindaco Luca Masneri, quindi quelli di Regione Lombardia con l’assessore Mauro Parolini e i consiglieri Donatella Martinazzoli e Fabio Fanetti, Provincia di Brescia con il presidente Pierluigi Mottinelli e l’onorevole Guido Galperti, Comuni di Malonno, Sonico, Berzo Demo, Paisco Loveno e Corteno Golgi, le autorità militari con il testa il generale Marcello Bellacicco, vicecomandante dell’Esercito, quindi i sindaci della Valle Camonica, il corpo musicale di Sonico, la banda di Berzo Demo, oltre duecento gruppi alpini, i Battaglioni Edolo, Tirano e Morbegno e in chiusura le penne nere di Edolo.

Giunti al campo sportivo – dopo l’intervento delle autorità – il lancio dei paracadustici – è stata celebrata la Santa Messa celebrata dal parroco di Edolo, don Giacomo Zani, con accanto don Massimo Gelmi e don Claudio Sarotti. Al termine il momento di festa e il rancio alpino.

Il presidente dell’Ana di Edolo, Egidio Masneri, ha commentato: “E’ stato uno spettacolo e l’evento ha richiamato gruppi alpini e persone ben oltre le aspettative. Una vera riscoperta di quell’Alpinità che era il messaggio della settimana”.

Nel pomeriggio la chiusura della settimana del 130° anniversario dei Battaglioni Edolo, Tirano e Morbegno che si era aperta con l’inaugurazione della mostra “Dal 1872 l’Edolo, il Tirano ed il Morbegno si raccontano” nella sala di viale Derna e che era proseguita con serate culturali e incontri alla Base Logistica Addestrativa di Edolo.

VIDEO 1

VIDEO 2


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136