QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo, meno tasse e imposte comunali: Imu inalterata, esenzione Tasi e riduzione Tari

giovedì, 30 marzo 2017

Edolo – Diminuisce l’imposizione fiscale a livello comunale sulle famiglie edolesi. Mentre a livello nazionale si scoprono ogni giorno balzelli di ogni genere pur di spennare lavoratori, imprenditori, commercianti e pensionati, a livello comunale la tassazione è in flessione. La giunta Masneri ha stabilito le imposte per il 2017, che saranno discusse in Consiglio comunale e successivamente inserite nel bilancio preventivo che sarà discusso in aula consiliare la prossima settimana.Luca Masneri

Anche per l’anno in corso non sarà applicato alcun aumento dell’Imu e le aliquote rimarranno inalterate come nel 2016: è stabilita solo l’aliquota base di 1,02% fissata dal Bilancio dello Stato e non ci sarà alcun aggravio su base comunale. Inoltre la maggior parte degli edolesi saranno esenti dalla Tasi (Tassa servizi indivisibili). Il Comune di Edolo prevede la Tasi per una sola categoria – la “D” – e comprende fabbricati e complessi industriali, tra cui anche l’Enel, che a Edolo ha una consistente attività di produzione di energia elettrica. Per quanto riguarda l’Irpef comunale non sarà applicata, anche qui l’unica aliquota è quella stabilita dal Bilancio dello Stato e Regione Lombardia e non ci sarà alcuna aggiunta dall’ente locale. Infine la Tari vedrà una riduzione. stimata mediamente nel 7%  nel 2017, per le 2,180 famiglie edolesi.

“Quanto abbiamo stabilito – spiega il sindaco di Edolo, Luca Masneri (nella foto) - va in una direzione ben precisa: ridurre le pressione fiscale delle famiglie e non gravare su di loro. L’impegno preso con i cittadini è chiaro: ridurre imposte e tasse e garantire servizi migliori alle famiglie”.

Per quanto riguarda i servizi a domanda individuale – ad esempio servizi mensa alla Materna, manifestazioni culturali e incontri non istituzionali – il costo è attorno a 139mila, gli incassi sono previsti in 69mila euro e la restate quota – pari al 49,75% – sarà coperta da entrate individuate dall’Amministrazione comunale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136