QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo: decollano le opere pubbliche nelle frazioni Plerio, Sarotti e Baldoni. Interventi a Cortenedolo

mercoledì, 6 maggio 2015

Edolo – A quasi un anno dal successo alle elezioni con il cambio alla guida dell’Amministrazione comunale, decollano le prime opere.

La Giunta guidata dal sindaco Luca Masneri sta mettendo mano ad una parte significativa delle promesse elettorali ai cittadini con alcune opere di natura strutturale, in particolare il collettamento e la depurazione delle acque reflue, oltre all’asfaltatura e all’impianto di illuminazione, ed altre ancora di natura storico-estetica, quale la bellissima santella di Mù.

L’Amministrazione comunale sta rispettando gli impegni assunti con la popolazione, che peraltro non poteva essere rinviato anche a causa di nuove norme in materia, di opportunità derivanti da somme svincolate da Ato a favore del Comune per la realizzazione della depurazione delle frazioni, ma anche di economie frutto di attenta gestione delle risorse in bilancio che consentono quindi di investire direttamente in opere pubbliche sul territorio destinate a rimanere attive ed efficienti per molti anni a venire.

La somma totale delle opere programmate è di circa 300mila  euro per interventi che riguardano la nuova illuminazione nell’alta frazione di Plerio, la depurazione di Plerio, Sarotti e Baldoni, il rifacimento dell’asfalto di Plerio alta e bassa dopo i lavori di posa della nuova fognatura, il collettamento delle acque reflue della frazione di Cortenedolo sulla rete principale di Santicolo e la posa di due fosse IMOF nella frazione di Vico.

L’ammontare totale delle somme richieste è stato posto a bilancio nel 2014 ed ora le opere sono iniziate un po’ in tutte le frazioni, in attesa per Plerio che si concludano gli  accordi con i proprietari dei terreni sui quali insisteranno i lavori di collettamento. Un discorso a parte merita il recupero ed il rifacimento dell’antica santella della storica frazione di Mù, realizzata come edicola bifacciale in granito a tre ancone, la centrale delle quali a finestra sul paese e sul monte Colmo, contornata da aiole di rispetto.

Le due ancone affrescate verso nord recano le immagini dei Santi Ippolito e Cassiano, ai quali è dedicata anche la ripida via che sale alla montagna; le immagini che guardano Edolo raffigurano la Madonna Assunta in cielo e S. Giuseppe con il piccolo Gesù. Il luogo è sempre stato considerato dagli abitanti della contrada con particolare venerazione ed ora la sua restituzione all’antica pietà lo rende ancora più amato ed apprezzato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136