QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Edolo, Beccalossi sul tunisino espulso per terrorismo: “In Lombardia pericolo lupi solitari”

giovedì, 29 dicembre 2016

Edolo – “Abbandonare ogni forma di ‘buonismo’, subito. Servono leggi speciali per dare alle forze dell’ordine e agli inquirenti la possibilita’ di contrastare il terrorismo con sempre maggiore efficacia e serve inoltre maggiore trasparenza sul costante flusso di denaro proveniente da paesi islamici per finanziare ufficialmente attivita’ culturali e di fatto non sempre tracciabile”. Lo afferma l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ Metropolitana Viviana Beccalossi, commentando la notizia diffusa dal Viminale sulla pericolosita’ del cittadino tunisino, Ben Dhiab Nasredine, 22 anni, residente a Edolo (Brescia) ed espulso mentre si stava preparando a colpire l’Italia.

NOI MAPPIAMO IL TERRITORIO
“Anche oggi – prosegue Viviana Beccalossi abbiamo avuto la prova che il nostro territorio e’ a rischio e che il fenomeno dei cosiddetti lupi solitari e’ quanto mai concreto e pericoloso. La Lombardia e la provincia di Brescia in particolare si stanno dimostrando vulnerabili alla presenza di potenziali terroristi. Invece di criticare chi, come Regione Lombardia, sta lavorando per mappare tutti i luoghi di culto irregolari e quindi per far emergere possibili zone d’ombra sul territorio, si pensi piuttosto a dare la piu’ ampia disponibilita’ a condividere informazioni”.

OGNUNO DEVE FARE SUA PARTE
“Brescia – conclude Viviana Beccalossi – si conferma punto di riferimento nazionale nella lotta al terrorismo, nell’applicare nuove norme che consentono un maggiore controllo, anche online, che permette di colpire questi pericolosi fanatici e per questo vanno ringraziate le forza dell’ordine. Ma ognuno, a partite da chi amministra i Comuni, deve fare la propria parte, in termini di controllo e trasparenza”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136