QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Edolo: sfiorata tragedia nel centro storico. Suv perde controllo e finisce vicino a vetrina: due persone ferite

giovedì, 16 luglio 2015

Edolo –  Sfiorata la tragedia nel centro storico di Edolo, forse per un malore dell’autista di un Suv che ha perso il controllo e sfiorando di travolgere alcune persone ha finito la corsa contro un ostacolo, coinvolgendo anche la vetrina di un negozio.

Dopo il dramma che si è consumato ai primi di luglio, quando una pensionata milanese, Maria Modesto, 70 anni di Bresso (Milano), è stata travolta mentre attraversava via Porro ed è morta due giorni dopo all’ospedale Morelli di Sondrio per le gravi ferite riportate, la storia si ripete, per fortuna senza tragiche conseguenze.

Nel pomeriggio un altro incidente in piazza Martiri della Libertà e in via Porro con due persone – un uomo di 47 anni e una donna di 66 anni – rimaste ferite. Alle 14.43 la chiamata alla centrale operativa del 118 e sul posto è giunta l’ambulanza di base dell’Arnica e i due feriti sono stati trasportati all’ospedale di Edolo (nella foto) in codice verde.

Sul posto anche i carabinieri di Edolo che hanno effettuato i rilievi dello schianto per accertare la dinamica. All’origine potrebbe esserci un malore all’autista di un Suv, che ha perso il controllo ed ha superato i paletti che delimitano strada e marciapiede, sfiorando di travolgere alcune persone e finendo quasi contro il negozio di frutta e verdura. Grande lo spavento in paese e sul posto si sono radunate decine di persone per prestare soccorsi.

Al di là dell’incidente avvenuto oggi rimane comunque il problema sicurezza sulle strade del centro storico di Edolo. Oltre ai limiti di velocità, c’è una corrente di pensiero di chi vorrebbe anche maggiori controlli da parte delle forze di polizia locale o dossi ( se possibile) a rallentare la velocità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136