QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo: all’Università della Montagna discusse 12 tesi di laurea. 110 e lode per 5 studenti

lunedì, 3 novembre 2014

Edolo – Dodici neolaureati all’Unimont. Momento importante all’Università della Montagna dove in mattinata si è tenuta la discussione delle tesi per dodici studenti di Scienze Agrarie e Alimentari del corso di laurea triennale in “Valorizzazione e tutela dell’ambiente e del territorio montano”. La commissione presieduta dal professor Giuseppe Carlo Lozzia, con  i docenti Baccolo, Bocchi, Bischetti, Giorgi, Mignani e Tamburini ha seguito l’esposizione delle tesi da parte dei 12 laureandi (Giulio Lazzarini, Stefano Afric, Ilaria Alborghetti, Marco Baccanelli, Gloria Carletti, Patrick Incondi,  Veronica Nessi, Jonathan Pinna, Davide Piroli, Marco Ruffini. Francesco Saligari e Giuseppe Spini). Gli argomenti scelti dagli studenti sono di alto livello, in particolare sulla frana di Mola, frazione di Edolo, quindi i teli geotessili, la tutela delle aree montane e  la valorizzazione dell’agricoltura in zone montane. In particolare Gloria Carletti ha presentato uno studio sulle piste da sci, Marco Baccanelli ha effettuato una ricerca sulla salute del fiume Oglio, Veronica nessi si è invece soffermata sulla classificazione della flora ipsofila, del Monte Frenone,   Marco Ruffini sulle terre rosse del Monte Orfano. le tesi hanno interessato anche territori della Valtellina (Giuseppe Spini sul valore naturalistico di una malga in Valmalenco  e Jonathan Pinna sullo Julierpass). Di grande interesse – perché legato direttamente a Edolo – la tesi di Davide Piroli sulle opere forestali e idrauliche nella frazione Mola.

Al termine della discussione il presidente dUnimont1 edoloella commissione ha elogiato il lavoro svolto degli studenti e infine ha letto la votazione con ben 5 laureati con 110 e lode su 12 e tutti al di sopra del 100. “Questa sessione –  ha commentato il professor Giuseppe Carlo Lozzia – è stata di alto livello per la mole di lavoro svolto dagli studenti in questi mesi”. L’Università della Montagna si conferma ancora una volta di alto livello qualitativo.

(Nelle foto concesse dall’emittente PiùvalliTv la discussione delle tesi e la proclamazione dei 12 neo laureati)


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136