QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Edolo, all’UniMont presentazione del libro dell’onorevole Borghi su “Piccole Italie”

venerdì, 9 giugno 2017

Edolo – Il rilancio della montagna. Oggi – alle 17, presso l’aula magna dell’Università della Montagna – distaccamento di Edolo dell’Università degli Studi di Milano – si terrà la presentazione del libro dell’onorevole Enrico Borghi (PD), Capogruppo della VII Commissione Ambiente e Territorio della Camera, Presidente Uncem e Fondazione Montagne Italia e Consigliere del Ministro De Vincenti per l’attuazione della Strategia Nazionale delle Aree Interne. A seguire un dibattito con i contributi dei rappresentanti delle istituzioni nazionali, regionali, provinciali e locali, gli studenti e il territorio.

Anna Giorgi Edolo

“L’Università della Montagna, luogo aperto di elaborazione, ricerca e formazione sulle specificità e risorse dei territori montani, pone al centro dell’attenzione la questione territoriale che, come evidenziato dalla pubblicazione dell’onorevole Borghi, è un tema cardine per il futuro dell’intero Paese. Ci auguriamo che i nostri studenti e l’intera comunità raggiunta dal network di Unimont partecipino, in presenza o “a distanza”, ad un incontro che – da una sede universitaria che opera quotidianamente tra le montagne e, sempre di più, per le montagne italiane ed europee – si prospetta ricco di spunti di riflessione e confronto su come rendere questi territori una “risorsa” in uno scenario complesso, diversificato e su molti fronti critico, in cui è essenziale concentrare le attenzioni su asset strategici promettenti per il futuro”, spiega la professoressa Anna Giorgi (nella foto) dell’Università della Montagna.

“Questo libro – dice l’onorevole Enrico Borghi – è il frutto di una riflessione sulla politica territoriale e in particolare su cosa possano rappresentare i nostri territori, montani e marginali, nella sfida della modernizzazione italiana. Innovazione dal basso, nuova agricoltura, idee per il rilancio delle Alpi e dell’Appennino, partendo dalle Comunità locali come guardiane del territorio in una funzione nazionale. È questo il paradigma all’interno del quale si muove il libro, dopo un breve excursus storico sulla fine dell’interventismo statale e la crisi del regionalismo. Il messaggio che parte dalle pagine di “Piccole Italie” è positivo: dalle aree interne e montane si ricostruisce l’identità e il senso di comunità di un Paese straordinario e fragile come l’Italia”.

Al seminario, introdotto dalla professoressa Anna Giorgi, parteciperanno gli onorevoli Marina Berlinghieri e Davide Caparini, i consiglieri regionali Fabio Fanetti, Stefano Bruno Galli, Donatella Martinazzoli, Pierluigi Mottinelli, presidente della Provincia di Brescia, Simona Ferrarini, vice presidente Comunità Montana Valle Camonica, Luca Masneri, sindaco di Edolo, la presidente del Bim  Adda Carla Cioccarelli, Enrico Petriccioli, vice presidente FederBim, e Pier Luigi Svaluto Ferro, consigliere Provincia di Belluno. Quindi si collegheranno Gianfranco Alberti, Presidente della Comunità Montana dell’Oltrepó Pavese e Sindaco di Varzi, e gli amministratori dell’area interna Alto Oltrepó Pavese – Appennino Lombardo, Bartolomeo Schirone, Presidente Corso di Laurea Scienze della Montagna – Università degli Studi della Tuscia  e Cesare Emanuel, Magnifico Rettore – Università del Piemonte Orientale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136