QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Due arresti dei carabinieri in Valle Camonica: marocchino evade, romena ruba al centro commerciale di Darfo Boario

giovedì, 1 ottobre 2015

Darfo – Operazioni dei Carabinieri della Compagnia di Breno in Valle Camonica. Un marocchino è stato arrestato per il reato di evasione, stessa sorte per una romena per il reato furto aggravato.CARABINIERI LARGE

EVASIONE PER UN MAROCCHINO
A Darfo Boario Terme (Brescia), i Carabinieri della locale Stazione, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, H.A., cittadino marocchino 33 enne, pluripregiudicato, residente in Valle Camonica, per il reato di evasione. Il soggetto durante la mattinata stessa, era stato scarcerato dalla Casa Circondariale di Brescia per fine pena di altro procedimento e quindi sottoposto agli arresti domiciliari per scontare una pena attinente il reato di evasione, con l’obbligo di raggiungere la propria abitazione senza effettuare soste lungo il tragitto. Lo stesso non ha ottemperato a tale prescrizione in quanto è stato segnalato all’interno di un esercizio pubblico in compagnia di altro extracomunitario e nel pomeriggio è stato sorpreso mentre faceva rientro in abitazione. Processato con rito direttissimo, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto. Contestualmente a seguito dell’emissione di provvedimento di revoca degli arresti domiciliari per il reato di evasione, è stato associato presso la Casa Circondariale di Brescia.

FURTO AGGRAVATO PER UNA ROMENA
Ancora a Darfo Boario Terme (BS), i Carabinieri della locale Stazione, hanno arrestato in flagranza di reato, L.E., cittadina romena 38 enne, pregiudicata, residente in Valle Camonica, per il reato di furto aggravato. La donna all’interno del centro commerciale “Simply Market” di Darfo è stata sorpresa mentre cercava di allontanarsi con della merce consistente in alcune confezioni di detersivi del valore di 300 euro circa, ai quali aveva tolto i dispositivi antitaccheggio, occultandoli sotto i vestiti. La refurtiva è stata restituita. Con rito direttissimo, celebrato la stessa mattina, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto rinviando il processo ad altra data, disponendo la liberazione della persona e l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di firma.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136