QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Derivazioni idroelettriche: definito il canone ricognitorio anche per la Valle Camonica. Martinazzoli: “Importanti risorse”

giovedì, 12 maggio 2016

Esine – La giunta regionale Lombarda presiduta da Roberto Maroni, lo scorso 9 maggio ha  approvato delibera avente ad oggetto “Determinazioni in merito all’applicazione del canone aggiuntivo di cui all’art. 53 bis della l.r. 26/2003” che ha fissato l’importo del suddetto canone relativamente alle concessioni di grande derivazione idroelettrica scadute e di prossima scadenza.martinazzoli 1

Sull’argomento è intervenuta la camuna Donatella Martinazzoli, consigliere regionale della Lega Nord e firmataria nel 2015 della mozione approvata dal Consiglio Regionale, con cui si chiedeva di prevedere forme di compensazione in favore dei territori interessati dalla presenza di grandi derivazioni ad uso idroelettrico.

La giunta regionale – spiega – ha stabilito, in aggiunta al canone demaniale, ai sovracanoni e alla cessione gratuita di energia già prevista negli atti delle concessioni, un ulteriore canone ricognitorio  fissato in euro 20 per chilowatt di potenza nominale media annua. Un importo ancora in fase di quantificazione ma che sicuramente si tradurrà in cifre molto significative anche e soprattutto per la Valcamonica, il cui territorio è interessato da importanti concessioni. Centrali idroelettricheSomme che sono destinate a concorrere al finanziamento di misure e interventi di miglioramento ambientale dei territori interessati e che Regione Lombardia, sulla base delle intese concluse con le singole province sul cui territorio insistono le infrastrutture afferenti alle grandi derivazioni idroelettriche, una volta introitate provvederà poi a trasferire, in misura non inferiore al 50 per cento, alle province e ai comuni. In sintesi si tratta di importanti risorse che verranno messe a disposizione degli enti locali, anche  sottoforma di misure di compensazione per lo sviluppo del territorio interessato dalla concessione“.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136