QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Depurazione e ciclo integrato dell’acqua in Valle Camonica: servono almeno 15 milioni di euro

giovedì, 15 gennaio 2015

Esine – La Valle Camonica deve risolvere nel corso del 2015 i problemi della depurazione e gestione del ciclo idrico integrato, ma le risorse scarseggiano.

Infatti la stima per i depuratori, partendo da Esine e passando dai collettori di Breno e Berzo Demo, oltre alla realizzazione di un unico depuratore tra Malonno, Sonico ed Edolo, è attorno ai 15 milioni di euro che dovranno essere reperiti tramite Regione ed enti sovracomunali.

Il progetto più avanzato è quella della depurazione intercomunale di Esine che sfiora una copertura del 60 per cento della popolazione.  La media Valle Camonica ha però necessità di altri interventi e qui si inseriscono anche i collettori di Breno e Berzo. Invece per il depuratore e relativi collettori di Malonno, Sonico ed Esine serCasa Acqua Lifevono ancora sei milioni di euro. Infine per i ciclo integrato dell’acqua la Valle Camonica ha necessità di almeno 5 milioni di euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136