QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Defibrillatori e formazione del personale negli impianti sportivi. Al Pirellone via libera all’ordine del giorno con primo firmatario Rolfi

mercoledì, 23 dicembre 2015

Milano – Defibrillatori e formazione del personale negli impianti sportivi lombardi. E’ stato approvato un ordine in Regione Lombardia, con primo firmatario Fabio Rolfi (Lega Nord).

“Defibrillatori e formazione adeguata per il loro utilizzo negli impianti sportivi della Lombardia. Si tratta delle richieste contenute nell’Ordine del giorno al Bilancio di pFabio Rolfirevisione, approvato in data odierna dal Consiglio regionale della Lombardia”, così Fabio Rolfi (nella foto), vice capogruppo della Lega Nord al Pirellone, esprime soddisfazione per l’approvazione dell’ordine del giorno, di cui è primo firmatario.

“Il documento approvato dall’Aula – spiega Fabio Rolfi – contiene indicazioni precise, come chiedere attraverso AREU di comprare i defibrillatori e darli in dotazione agli impianti sportivi pubblici che ad oggi ne sono sprovvisti. Dobbiamo fare di più per aiutare le associazioni sportive ad adeguare le strutture con queste fondamentali attrezzature salvavita, che in diversi casi si sono dimostrate di vitale importanza.”

“Oltre all’acquisto, abbiamo chiesto che AREU si attivi per favorire la formazione degli operatori sportivi che utilizzeranno i defibrillatori, gratuitamente o a prezzi convenzionati. Per incentivare l’utilizzo diffuso occorre formare il numero più alto possibile di dirigenti sportivi, ragion per cui occorre abbattere i costi di formazione che spesso rappresentano una barriera.”

“In previsione dell’entrata in vigore dell’obbligo di legge sui defibrillatori serve quindi uno sforzo ulteriore di Regione Lombardia, in virtù del suo ruolo in materia sanitaria, per favorire in tempi rapidi la massima copertura possibile sul territorio regionale.”

“L’attività sportiva infatti, sia essa di tipo agonistico che di tipo dilettantistico, rappresenta un momento di grande rilevanza nella vita di moltissimi lombardi; per questo motivo si rende necessario garantire la presenza di defibrillatori e personale adeguatamente formato nei luoghi dove questa viene praticata. Abbiamo per tanto chiesto al presidente Maroni e all’assessore competente di porre in essere risorse adeguate per l’acquisto della strumentazione e per la formazione di operatori DAE, da impiegare presso gli impianti sportivi, in cui si svolge l’attività ludica”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136