QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Decreto enti locali: in Valle Camonica otto sindaci potranno ricandidarsi

giovedì, 27 marzo 2014

Vezza d’Oglio – Il DDL Delrio sulle autonomie locali, con l’abolizione della rappresentanza nelle Province e il terzo mandato nei piccoli Comuni, quelli sotto i tremila abitanti, rivoluziona la mappa degli enti territoriali.elezioni-comunali-2013-marineo

Infatti i sindaci dei Comuni con meno di tremila abitanti potranno ricandidarsi per un terzo mandato alle amministrative del 25 maggio: in tutto sono 25 nella provincia di Brescia e di questi una buona fetta sono in Valle Camonica. Nello specifico: Corrado Scolari a Berzo Demo, Francesco Manella a Capo di Ponte, Mario Mazzia a Cimbergo, Mario Pendoli a Gianico, Alessandro Domenghini a Malegno, Franco Monchieri a Prestine, Alberto Tosa a Saviore dell’Adamello e Severino Bonavetti di Vezza d’Oglio.

La rappresentanza è comunque riorganizzata, infatti i  Comuni con meno di 3 mila abitanti avranno un massimo di dieci consiglieri comunali, nella fattispecie due terzi per la maggioranza e un terzo per la minoranza e si potranno nominare due assessori.

Invece per le Province saranno aboliti i Consigli e le Giunte e la gestione dell’ente locale sarà affidato ad amministratori, scelti dai sindaci, che svolgeranno un lavoro gratuito. Il decreto Delrio è passato al Senato ora si attende la lettura finale alla Camera, poi sarà legge.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136