QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Darfo Boario Terme, arresti dei carabinieri per spaccio e furto. Tre operazioni in Valle Camonica

lunedì, 12 giugno 2017

Darfo Boario Terme – Arresti dei carabinieri per furto e spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri della stazione di Darfo Boario Terme (Brescia), hanno arrestato nella cittadina camuna, un 53enne, italiano, censurato, residente a Berzo Inferiore (Brescia), per il reato di tentato furto aggravato. L’uomo è stato bloccato dai militari, mentre forzava gli sportelli delle autovetture in sosta nel parcheggio del multisala Garden per appropriarsi di quanto lascito negli abitacoli. L’arresto è stato convalidato del Gip del tribunale di Brescia e per l’uomo è stato disposto l’obbligo di firma presso la stazione carabinieri competente in attesa del processo.

Carabinieri Darfo Boario 1

Sempre i carabinieri della stazione di Darfo Boario Teme (Brescia), nel corso di un servizio predisposto in centro (nella foto il blitz), hanno tratto in arresto un 24enne cittadino italiano, censurato, residente in Darfo Boario Teme, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A seguito di una perquisizione è stato trovato in possesso di 25 grammi di cocaina (suddivisi già in dosi pronte per lo spaccio), 8 grammi di marijuana e quasi 6mila euro in contanti ritenuti frutto di attività di spaccio. L’arresto è stato convalidato e per l’uomo è stato disposto l’obbligo di firma giornaliero presso la stazione competente, in attesa del processo.

I carabinieri della stazione di Capo di Ponte (Brescia) hanno arrestato un 31enne residente a Malonno (Brescia), artigiano, per il reato di spaccio di sostanza stupefacente. L’uomo è stato sorpreso mentre, all’interno del luogo ove svolge attività lavorativa, cedeva ad una 46enne di Berzo Demo, una dose di cocaina dietro pagamento di 50 euro. Il 31enne è stato condannato c on rito direttissimo ad una pena di un anno di reclusione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136