QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Interrogato dal Gip, Gezim Sallaku resta in carcere. Quale futuro per il Darfo Calcio?

martedì, 21 luglio 2015

Darfo Boario Terme – Il futuro della Società Calcio Darfo e gli ambiziosi progetti di rilancio rischiano di essere messi in un cassetto.

L’arresto del patron Gezim Sallaku pesa sul futuro dei neroverdi e nei prossimi giorni il socio di minoranza prenderà una decisione.

Gezim Sallaku, arrestato giovedì scorso con il fratello Saimir, accusato di associazione a delinquere finalizzata ai reati tributari, è stato interrogato dal Gip del Tribunale di Brescia, Lorenzo Benini, che ha convalidato l’arresto. Gezim Sallaku ha parlato per oltre due ore, e l’avvocato difensore dei Sallaku ha sottolineato che è stata ricostruita dai due fraSallaku  finanza bresciatelli Sallaku la vicenda. Ora l’inchiesta potrebbe allargarsi e coinvolgere anche la Pubblica Amministrazione.

Nell’interrogatorio di garanzia i fratelli Sallaku hanno risposto a tutte le domande del Gip Lorenzo Benini che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta “Laguna” della Procura di Brescia, che ha iscritto 10 persone nel registro degli indagati.

Gezim Sallaku non lascia Canton Mombello al contrario di quanto era accaduto ad aprile scorso quando era uscito dal carcere poche ore dopo. Oltre alla convalida dell’arresto restano sotto sequestro le proprietà dei Sallaku e qui si innesta il discorso sulla Società Calcio Darfo.

Infatti cinque giorni fa la Guardia di Finanza ha sequestrato 92 immobili, 32 auto, dieci aziende, le quote societarie del Darfo di cui è proprietario dall’estate scorsa del 95%, oltre ad un motoscafo, orologi e gioielli. Il tutto per un valore superiore agli otto milioni di euro.

Intanto al Darfo Calcio sono in corso valutazioni. Il vicepresidente del club nero verde Walter Venturi, socio di minoranza al 5%, sta valutando le soluzioni e tra queste quella di proseguire da solo l’attività. Entro pochi giorni si conoscerà la sua decisione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136