QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Dal Tonale a Monno spuntano nuove telecamere. L’Unione dei Comuni: “Maggior sicurezza”

mercoledì, 14 settembre 2016

Ponte di Legno – Tutti i punti di accesso all’Alta Valle Camonica sono sorvegliati, in particolare i passaggi sulle principali strade, la statale 42 del Tonale, la Provinciale 300 del Passo Gavia e la strada del Mortirolo. Un servizio dal Passo Tonale a Monno. Anche Edolo e Malonno stanno puntando su una serie di interventi sul territorio.passo-tonale-telecamere0

Adesso le telecamere sono spuntate sulla statale 42 in diversi punti e al Passo Tonale (nella foto) a poche centinaia di metri dal confine con la provincia di Trento. Si tratta di una delle telecamere più importanti, perché segnala il passaggio di auto dal Trentino alla provincia di Brescia. Secondo la polizia locale, la videosorveglianza al Tonale è strategica, al pari di quella di Monno, per la sicurezza in alta valle. Altra telecamera strategica è quella installata da poco tempo sulla Provinciale del Gavia, nei pressi dell’incrocio con la strada comunale per Precasaglio, frazione di Ponte di Legno, qui per chi arriva dalla provincia di Sondrio.

L’Alta Valle Camonica, come sottolineato da Roberto Menici, sindaco di Temù e presidente dell’Unione dei Comuni dell’Alta Valle, sta affrontando la questione sicurezza e c’è un legame tra le diverse Amministrazioni locali e Unione dei Comuni. I turisti hanno notato nuove telecamere a Ponte di Legno e Passo Tonale.Telecamere Ponte di Legno

Il progetto dell’Unione Comuni Alta Valle Camonica prevede l’estensione da 16 a 35 telecamere per sorvegliare l’intero territorio, da Monno al Tonale, passando da Incudine, Vezza d’Oglio, Temù e Ponte di Legno. Le telecamere sono della cosiddetta “ultima generazione”, leggono le targhe delle auto e la centrale operativa segnala immediatamente le targhe delle vetture ricercate, con il tempestivo intervento delle forze dell’ordine.  Tutto si inserisce in un progetto avviato tre anni fa e che viene completato quest’anno grazie al bando regionale sulla videosorveglianza che vede il cofinanziamento delle singole Amministrazioni locali. L’obiettivo è garantire maggiore sicurezza agli abitanti dell’Alta Valle Camonica e ai turisti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136