QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

CSI Vallecamonica, successo per ‘I giochi di una volta’: oltre 350 bambini tra sport e divertimento

giovedì, 21 novembre 2013

Malegno – Un intero paese in gioco con gli under 8 e 10 del CSI di Vallecamonica impegnati a Malegno nell’ormai tradizionale appuntamento con “I giochi di una volta”. Sono stati oltre 350 i piccoli atleti ciessini che hanno invaso l’oratorio, le strutture sportive e altri numerosi spazi messi a disposizione dagli animatori dell’Unione Sportiva e dal Comune di Malegno.20131110_155218 [640x480]

A divertirsi, per un pomeriggio, anche tanti genitori (secondo stime approssimative circa duecento) che per qualche ora hanno avuto l’opportunità insieme ai loro figli di rivivere momenti spensierati dell’infanzia. La commissione tecnica dell’attività giovanile del CSI per questa manifestazione ha scelto di riprendere alcuni giochi popolari di diversi paesi del mondo. I partecipanti hanno così potuto compiere questo ideale giro del mondo attraverso il gioco spaziando dalla Bolivia con lo shooting jar, un divertente tiro al barattolo, al Ghana giocando al Da ga, la caccia del serpente boa. Due i giochi importati dall’Oceania, la palla rubata della Papua Nuova Guinea (una sorta di palla avvelenata) e dalla Nuova Zelanda il “cammino sui sassi”, un percorso da veri e propri equilibristi compiuto anche dai genitori. L’Europa è stata rappresentata dalla Svizzera con il gioco dei sette cantoni (non poteva essere diversamente) e le corse ad occupare i cerchi lasciati liberi. Dalla tradizione popolare italiana è stata pescata la corsa col cerchio esercitata, con i cerchioni delle biciclette, chissà quante volte in passato anche nei nostri paesi.

Oltre ai giochi motori il CSI ha proposto per questa festa tre laboratori “internazionali” dove i bambini hanno costruito un aquilone secondo le tradizioni cinesi, realizzato degli origami giapponesi, delle trottole inventate dai Greci e delle eliche progettate negli Stati Uniti d’America. La caratteristica delle feste dell’attività giovanile del CSI di questa stagione sportiva è la consegna alle squadre, dopo ogni gioco e laboratorio, di una figurina dell’Album fotografico “Se sorride un bambino la pace c’è !”, consegnato nell’appuntamento iniziale di Gianico e da completare nella festa conclusiva dell’attività sportiva. Al termine dell’intenso pomeriggio di giochi don Giuseppe, parroco di Malegno, ha accolto i partecipanti nella chiesa parrocchiale per un momento di preghiera. Il sacerdote ha proposto alcune semplici riflessioni accompagnate da un suggestivo video sullo sfruttamento dei bambini ed il significato della pace. La preghiera si è conclusa con la consegna a tutti i partecipanti di una piccola colomba della pace da portare sempre con se come impegno a rendere ogni momento di gioco un’occasione per stare insieme pacificamente. Non poteva mancare la merenda preparata dagli animatori dell’Oratorio di Malegno che, per l’organizzazione e l’animazione dei giochi, si sono avvalsi della collaborazione degli allenatori e dirigenti del Gruppo Sportivo Oratorio Cividate e della Protezione Civile Comunale. Il CSI camuno ha rivolto un ringraziamento particolare all’Amministrazione comunale ed alla Biblioteca Civica per la gentile concessione degli spazi utilizzati dai bambini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136