QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cronoscalata Malegno-Borno: il camuno Zanardini al comando delle libere nel 44esimo Trofeo Vallecamonica

sabato, 6 settembre 2014

Malegno – Primo giorno della 44esima edizione del Trofeo ValleCamonica: il camuno Mirko Zanardini, del Team Mille Miglia, ha ottenuto i due migliori parziali di  giornata nelle due manche che hanno caratterizzato le prove libere di oggi.malegno zanardini

Il pilota della Osella FA30, che ha realizzato un totale di 3’58”44 non riesce però ad essere soddisfatto visti alcuni problemi insorti alla sua monoposto durante la seconda salita: “Dopo il primo tratto il cambio al volante PowerShift ha smesso di funzionare e ho dovuto fare tutto il resto della salita con il manuale; il tempo di oggi non può essere un vero riferimento per la gara”. (Nella foto i tre migliori piloti di giornata da sinistra Fausto Bormolini, Mirko Zanardini e Luca Tosini)

Il livignasco Fausto Bormolini è autore del secondo tempo di giornata: il pilota della Reynard nel corso della prima manche si è girato nel tratto conclusivo non riuscendo così a completare la salita; Manche2 è stata più propizia per Bormolini al punto da
risultare il secondo pilota a scendere sotto la barriera dei quattro minuti: 3’59”74.

“Non sarà facile domani e a mio avviso i nostri tempi di oggi sono troppo alti se paragonati alle scorse edizioni:  Merli, che gareggia con una CN sicuramente scenderà sotto i 4’ e per questo motivo noi dovremo darci da fare oltremisura”.

malegno ossimo zanardiniModerata soddisfazione per Luca Tosini che con 4’03”80 lascia intendere che il suo parziale sia frutto anche di una coimprensibile pretattica: “ho forzato nei punti in cui mi interessava capire le reazioni della Osella ma ammetto di aver controllato in altri senza aumentare il ritmo; credo che i tempi odierni avranno poco a che fare con le classifiche di domani”.

Sorride l’elvetico Tiziano Riva che porta la sua Reynard in un ipotetico quarto posto seppure non si possa parlare di classifiche ma solo di liste dei tempi.

L’elenco dei concorrenti che hanno terminato almeno una manche non comprende due nomi illustri regolarmente iscritti alla gara camuna. Il primo è quello di Giulio Regosa che alla vigilia dell’appuntamento di casa ha dovuto dare forfait a causa di una caduta in motorino che gli ha precluso la partecipazione. Altra mancanza importante è quella di Paride Macario, dato tra i favoriti per a vittoria.

Il pilota della Lola Evo è regolarmente partito ma dopo poche centinaia di metri, all’altezza della cosiddetta “curva del vento” è uscito di strada rovinando pesantemente la monoposto e precludendo la sua partecipazione alla cronoscalata.

Domani, domenica 7 settembre la gara. Strada chiusa
La kermesse motoristica della Valle Camonica ha preso il via oggi, sabato 06 settembre, alle ore 9:00, con la prima delle due manche  di prove cronometrate. Domani, domenica 7, gli orari si ripeteranno per la Manche numero 1 (ore 9:00) e la numero due (ore 14:00) inframezzate da un’ora di riapertura della strada al normale traffico veicolare.

Il quartier generale della gara è posto presso il Comune di Borno, mentre le premiazioni saranno svolte nell’abituale contesto del Pattinodromo, dove è collocata la Sala Stampa.

Il percorso
Con partenza dai pressi del Municipio di Malegno e arrivo all’ingresso dell’abitato di Borno, il tracciato della cronoscalata misura 8.590,84 metri, con le seguenti caratteristiche:
- Partenza: Malegno, 354 metri slm
- Pendenza massima: 8,20% – Dislivello: 558,72 metri – Pendenza media: 6.19%
- Arrivo: Borno, Caserma Carabinieri, 845,51 metri slm

In tre punti del tracciato sono presenti gi altoparlanti collegati direttamente con la postazione di arrivo dalla quale vengono commentati i tempi e le performance dei concorrenti.

Misure di sicurezza
Per questa edizione sono state messe in atto tutte le misure di sicurezza predisposte anche negli anni passati, per le quali la gara bresciana si è contraddistinta in ambito internazionale: oltre 100 Commissari di percorso, 24 postazioni radio, 6 Unità Mobili di
Rianimazione con altrettanti medici rianimatori, 4 carri attrezzi e 5 veicoli di pronto intervento con attrezzatura antincendio dei quali due anche equipaggiati per la decarcerazione.  La gara è organizzata dall’Aci Brescia in collaborazione con il Team Mille Miglia capitanato da Armando Esti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136