QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: raffica di arresti dei carabinieri della compagnia di Breno per spaccio e violenza sessuale

sabato, 4 ottobre 2014

Breno – Nell’ambito di una serie di operazioni condotte dai Carabinieri della Compagnia di Breno, finalizzate al contrasto dei reati in genere sono stati effettuati  una serie di arresti nell’ultima settimana in Valle Camonica.CARABINIERI LARGE

A BIENNO E DARFO DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO
I carabinieri del dipendente Nucleo Operativo in collaborazione con quelli della Stazione di Pisogne, in Bienno, hanno tratto in arresto M.S. 29 enne cittadino italiano, residente a Bienno, pregiudicato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo stesso è stato trovato in possesso di 110 grammi di “marijuana”, un bilancino di precisione e materiale atto al confezionamento dello stupefacente. L’Autorità Giudiziaria, dopo avere convalidato l’arresto, ne ha disposto la remissione in libertà in attesa del processo

I Carabinieri della Stazione di Darfo Boario Terme, in collaborazione con quelli di Artogne, hanno fermato A.M. 28 enne di nazionalità marocchina, domiciliato a Darfo B.T., pluripregiudicato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo stesso veniva sorpreso mentre, sulla pista ciclabile di Darfo Boario, traeva da un nascondiglio un sacchetto poi appurato contenere grammi 51 di “hashish” e un bilancino elettronico di precisione. L’Autorità Giudiziaria, con rito direttissimo, ha convalidato l’arresto disponendo la sottoposizione agli arresti domiciliari e il rinvio del processo.

CEDEGOLO: ARRESTATO PREGIUDICATO
I carabinieri della stazione di Cedegolo, hanno arrestato a Cedegolo, M.P. 39 enne cittadino italiano, pregiudicato, lì residente in esecuzione di ordine di carcerazione, atteso che deve scontare un anno di carcere per il reato di furto aggravato in concorso. Il predetto è stato associato in carcere.

CEVO: FALSA ATTESTAZIONE
I carabinieri della stazione di Cevo, hanno fermato a Cevo, K.F., 28enne cittadino di nazionalità del Kosovo, per il reato di reato di falsa attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale sulla propria identità personale. Il predetto che viaggiava in compagnia di altri connazionali, a bordo di un furgone, precedentemente segnalato come possibile mezzo utilizzato per commettere dei furti in zona, durante un controllo alla circolazione stradale, dichiarava generalità fittizie essendo sprovvisto di documenti personali. Nel corso dei successivi accertamenti emergeva che lo stesso aveva in carico un provvedimento di espulsione al quale non aveva ottemperato. Nella mattinata del 01 ottobre, l’Autorità Giudiziaria, con rito direttissimo, ha convalidato l’arresto con rinvio del processo e disponendo nuovo provvedimento di espulsione con l’invito a lasciare il territorio dello stato entro 7 giorni dalla notifica.

DARFO: TENTATA VIOLENZA SESSUALE
I Carabinieri della Stazione di Darfo Boario Terme, al termine di un’attività d’indagine, hanno, in Esine, sottoposto a fermo, A.A. 19 enne cittadino di nazionalità marocchina, pregiudicato, senza fissa dimora, irregolare sul territorio nazionale, per il reato di tentata violenza sessuale in danno di una donna della valle. Lo stesso, qualche giorno prima, introdottosi in casa di una donna italiana 50enne, aveva tentato di violentarla desistendo solo per l’arrivo di alcuni vicini. Veniva appurato anche che lo straniero era anche gravato da un provvedimento di misura cautelare emesso dalla A.G. di Milano che gli è stata contestualmente notificata per il reato di furto. L’Autorità Giudiziaria, nella mattinata del 03 ottobre, ha convalidato il fermo e disposto la custodia in carcere.

ALTRE OPERAZIONI TRA PIANCOGNO E BRENO
Giovedì i Carabinieri delle Stazioni di Piancogno hanno tratto in arresto in esecuzione di ordine di custodia cautelare in carcere richiesto dall’arma di Piancogno, G.F. 39 enne di nazionalità tunisina responsabile di atti persecutori reiterati nei confronti della ex mogli italiana. Il tunisino è stato associato in carcere;

I Carabinieri della Stazione di Breno, in esecuzione di ordine di espiazione di pena detentiva V.A., hanno tratto in arresto donna 42 enne di nazionalità italiana responsabile di violazione del foglio di via obbligatorio. La donna è stata tradotta presso il proprio domicilio in regime degli arresti domiciliari.

Infine, durante gli ultimi giorni, lungo le strade della Valcamonica, il personale del Nucleo Operativo Radiomobile di Breno, durante un controllo straordinario della circolazione stradale, ha deferito, stato libertà, sette persone per guida in stato di ebrezza e sequestrato, ai fini della confisca, quattro autovetture di grossa cilindrata.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136