QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Crescono i casi di intossicazioni da funghi in Trentino e Lombardia, scatta l’allarme del centro antiveleni di Pavia

sabato, 25 ottobre 2014

Vermiglio – Scatta l’allarme sulle intossicazioni da funghi. L ‘avvertimento è stato lanciato dal Centro Antiveleni di Pavia – Centro Nazionale di Informazione Tossicologica dell’IRCCS Fondazione Maugeri – che ha registrato da inizio settembre ad oggi diversi casi di intossicazioni da funghi, fra cui alcune gravi, in alcune regioni italiane, fra cui Lombardia e anche Trentino.
funghi 4

In tutti i casi è stata accertata la presenza di alfa-amanitina, confermando quindi che i funghi responsabili delle intossicazioni appartengono ai generi Amanita (es. Amanita phalloides), Lepiota e Galerina. I funghi velenosi sono stati scambiati per, o raccolti insieme a, prataioli (Agaricus), mazze di tamburo (Macrolepiota procera) e verdoni (Russula virescens).

In questo periodo – anche se si è in conclusione della magica stagione di raccolta funghi – sono numerosi i cercatori nelle valli trentine e lombarde. Il raccolto è stato definito ottimo dagli esperti in questa annata sia a Vermiglio e in tutta la Val di Sole e Non, sia in Valle Camonica.  L’invito ai raccoglitori e consumatori è dunque quello ad effettuare controlli pre-consumo e, alla comparsa di sintomi gastroenterici, a recarsi immediatamente nei servizi d’urgenza per le opportune procedure diagnostico-terapeutiche.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136