QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Corteno Golgi, riaperta strada e frazione: festa per il ritorno dei residenti a Sant’Antonio

giovedì, 14 luglio 2016

Corteno Golgi – Una festa come ai vecchi tempi, quando tutto il paese era unito e una giornata di sole come quella odierna era un sollievo. Così è stato per le tre famiglie, otto persone in tutto, che oggi hanno fatto rientro nella frazione Sant’Antonio di Corteno Golgi (Brescia) e che sono rientrati nelle loro case dopo l’esilio di quasi oltre cinque mesi. La frana caduta sulla strada che da Corteno porta in frazione Sant’Antonio e l’isolamento aveva portato il sindaco Martino Martinotta a prendere una decisione sofferta: trasferite le otto persone a Corteno Golgi e di fatto chiudere la frazione.

Oggi – dopo la tempesta e i nubifragi di ieri e dei giorni scorsi – è tornato a splendere il sole e secondo quanto previsto dall’Amministrazione comunale, le famiglie sono tornate nella frazione Sant’Antonio.

Con le jeep le tre famiglie sono state accompagnante in frazione dal sindaco Martinotta, da assessori e consiglieri comunali e dalla Protezione Civile. Erano presenti il parroco, don Alessandro Nana che ha benedetto la frazione dopo una breve ma toccante cerimonia, e il consigliere regionale Fabio Fanetti.

“E’ una giornata molto importante – spiega il sindaco Martino Martinotta – siamo riusciti – grazie al sostegno della Regione a riaprire la strada e far rivivere una delle storiche frazioni del paese”.  ”Adesso – prosegue – ci attende la seconda tranche – aggiunge – quella di realizzare un intervento complesso su tutta la zona della frana“.

Il sindaco Martino Martinotta ha revocato l’ordinanza di chiusura della strada, interrotta dal gennaio scorso e con un nuovo provvedimento ha definito i tempi (ogni 20 minuti) del senso unico alternato tra le vetture che salgono verso Sant’Antonio e quelle che scendono.

L’opera realizzata: doppio ponte sul torrente Sant’Antonio, al fine di aggirare la frana caduta sulla strada, con una passerella metallica di 27 metri, larga 3,60,  e sul costone roccioso sono state messe delle reti metalliche di protezione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136