QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Corteno Golgi: festa per il 90° anniversario di fondazione degli Alpini. Gruppo intitolato a Venturini

martedì, 25 aprile 2017

Corteno Golgi – Una speciale festa per il 90° anniversario di fondazione del gruppo Alpini di Corteno Golgi (Brescia). Per le celebrazioni nel weekend erano presenti nel paese camuno quattro Vessilli di Sezione, 42 Gagliardetti, il coro ANA di Vallecamonica, la fanfara di Valle Camonica, rappresentanti non solo della valle, ma anche di altre province, autorità civili e religiose, tra i quali il sindaco Martino Luigi Martinotta, il consigliere regionale Fabio Fanetti, il presidente della Sezione ANA di Vallecamonica Mario Sala, il cappellano militare don Massimo Gelmi e il capogruppo di Corteno Golgi, Bortolo Taddei.

Presso il municipio di Corteno Golgi il canto del coro ANA di Vallecamonica, diretto magistralmente dal Maestro Francesco Gheza, ha accompagnato l’alzabandiera che apriva ufficialmente la giornata di sabato. (Nelle foto di Eleonora Bianchi i momenti più significativi della manifestazione)

L’INTITOLAZIONE A VENTURINI

Dopo questo importante momento è stato intitolato alla memoria della Medaglia d’Oro Giovanni Venturini, alpino cortenese, il gruppo alpini di Corteno Golgi. Venturini rientrato dalla campagna di Russia a causa dei piedi congelati, partecipò alla resistenza non armata per la liberazione ed una volta catturato e torturato non rivelò mai informazioni sui suoi compagni, assumendo su di sé ogni responsabilità. Venne condannato a morte e, al momento della sua fucilazione, perdonò i suoi uccisori al grido di “Viva l’Italia, Viva Cristo Re”. I ragazzi delle scuole, in questo particolare momento hanno presentato agli alpini dei bellissimi lavori preparati in loro onore e da li si sono svolti i discorsi delle autorità presenti.

GLI EVENTI

Un secondo appuntamento all’interno della chiesetta di Sant’Antonio, con un bellissimo e partecipatissimo concerto che il coro ANA, come sottolineato del maestro Gheza, è stato un particolare regalo per gli abitanti del frazione di Corteno, i quali , a causa delle tremende frane, avevano dovuto lasciare le loro case per quale mese. Quindi la cerimonia religiosa a Santicolo, con la deposizione della corona al monumento dei caduti e gli onori ai caduti. La serata di sabato si è poi conclusa con la cena per tutti i partecipanti.

Domenica mattina Corteno Golgi si è svegliata con la musica della Fanfara di Vallecamonica che ha accompagnato la sfilata per le vie del paese. Al termine della sfilata è stata deposta la corona al monumento dei caduti, si sono svolti gli onori ai caduti e infine la cerimonia religiosa, presieduta dal cappellano militare, don Massimo Gelmi.

Queste due giornate ricche di eventi sono state importanti ed emozionanti ed hanno potuto sottolineare, grazie anche alle centinaia di persone che vi hanno partecipato, l’importanza degli alpini all’interno della società e del loro grande insegnamento. Sono tutti quei grandi valori tanto cari alle penne nere che fanno di loro un esempio da seguire e da tramandare alle nuove generazioni.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136