QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Corteno Golgi: ultimo saluto a Nino Pedrazzi. Ieri sera in centinaia alla veglia funebre

mercoledì, 29 luglio 2015

Corteno Golgi – L’intero paese si è stretto attorno alla famiglia Pedrazzi per la tragedia che l’ha colpita nel tardo pomeriggio di lunedì. Nino Pedrazzi, 27 anni, residente a Lombro, frazione di Corteno Golgi (Brescia) è stato schiacciato e ucciso dal cassone del trattore che stava riparando. Non ha avuto scampo e vani sono stati gli interventi effettuati dal personale del 118 per rianimarlo. Sul posto sono giunti gli agenti della Polstrada di Darfo Boario e i vigili del fuoco del distaccamento di Edolo. La Polizia stradale ha effettuato la ricostruzione della tragedia (Nella foto la pattuglia giunta a Corteno Golgi e nel riquadro Nino Pedrazzi).Corteno Golgi Polizia Pedrazzi 10

Nino Pedrazzi lascia il padre Daniele, che lavora in Svizzera, la madre Maria Candida e le sorelle e Katia e Chiara, e la fidanzata di 24 anni. Aveva studiato all’istituto Meneghini di Edolo e lavorava all’Enel di Cedegolo dove era stato assunto un anno fa. Ieri sera parenti, amici, ex compagni di classe hanno partecipato alla veglia funebre tenuta da don Alessandro Nana che fin dal tardo pomeriggio di venerdì è stato vicino alla famiglia Pedrazzi. E nella giornata di ieri c’è stato un mesto pellegrinaggio per portare conforto alla famiglia distrutta dal dolore. Oggi alle 16 si terrà il funerale partendo dall’abitazione per raggiungere la chiesa parrocchiale di Corteno, poi la sepoltura nel cimitero del paese camuno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136