QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Corteno Golgi, il sindaco Martinotta critico con il Governo: “A noi restano le briciole”

martedì, 17 maggio 2016

Corteno Golgi – Al sindaco Martino Martinotta verrebbe voglia di gettare la spugna, ma il senso di responsabilità lo porta a proseguire il suo impegno amministrativo. “Gestire un Comune con queste risorse non ha senso – commenta il primo cittadino di Corteno Golgi – le risorse sono esigue, ai cittadini non puoi dare risposte e certe volte ti chiedi perché proseguire“. I piccoli Comuni sono alle prese con i costanti tagli – iniziati dal 2013 – che rischiano di compromettere qualsiasi intervento sul territorio. Un dato: “Le imposte finiscono per la gran parte nelle tasche dello Stato – aggiunge Martino Martinotta (nella foto) -. Un esempio: noi incassiamo di Imu 2 milioni e 200 mila euro di Imu e un milione e 480 mila euro vanno alla Stato. A Corteno Golgi rimane solo il 30% e ben poco rimarrà nelle casse del Comune”.

martino martinotta

Entro fine mese l’Amministrazione Martinotta predisporrà il bilancio preventivo 2016 e quello pluriennale 2016/2018, con gli interventi previsti per l’anno in corso. Oltre alle spese in conto capitale – la maggior parte per il personale dipendente (10 tra tecnici e impiegati) e i servizi fondamentali (scuolabus e trasporti) e le imposte che vengono trattenute dallo Stato – rimane poca disponibilità per gli investimenti. “Che senso ha tutto ciò? ” si chiede il sindaco Martinotta. Infatti gli investimenti sono limitati e la maggior parte va alla manutenzione delle strutture pubbliche e alle strade.

Anche il recente caso della frana su via Sant’Antonio (l’appalto è appena stato assegnato), che senza contributi dall’esterno il Comune di Corteno non avrebbe potuto far fronte alle necessità, ne è stata una conferma. Invece – grazie a un consistente contributo della Regione – i lavori sono stati appaltati ed entro l’estate la frazione Sant’Antonio uscirà dall’isolamento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136