QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Corteno Golgi: approvato il progetto di sistemazione della statale 39. Martinotta “Superiamo le criticità”

martedì, 13 ottobre 2015

Corteno Golgi – L’Anas mette mano a un altro tratto di statale 39, in territorio di Corteno Golgi (Brescia). Il progetto esecutivo di sistemazione di un tratto di strada, dopo la nuova galleria fino allo svincolo per la località Galleno, è stato approvato e nelle prossime settimane si entrerà nel vivo con l’appalto entro il 2016.

L’annuncio è stato dato dai dirigenti dell’Ente Strade al Comune di Corteno Golgi. Presto – è la sintesi del progetto – sarà rivisto il tratto all’uscita nord della galleria con la possibilità di tornare a utilizzare un vecchio tratto di statale e il vecchio ponte di Corteno.

“Siamo soddisfatti di questa decisione – commenta il sindaco di Corteno Golgi, Martino Luigi Martinotta (nella foto) - perché si mette mano a un tratto di strada  dove si erano evidenziato dei problemi”.

“Avevamo evidenziato la criticità – prosegue Martinotta – e penso che con il nuovo progetto l’Anas intende superarla”.

Con l’apertura della galleria e il nuovo ponte non è più possibile fare ingresso da nord a Corteno Golgi, Corteno Golgi Chiodi 40anzi il tratto di strada è sbarrato dal guard rail e quindi una parte del paese al confine tra Valle Camonica e Valtellina è inaccessibile.

Con il progetto approvato da Anas è prevista la riqualificazione del tratto di strada tra la galleria, lo svincolo per Galleno e la curva successiva in direzione di Aprica.

Sarà ampliata la sede stradale fino allo svincolo per Galleno, quindi ci sarà una corsia di decelerazione verso il vecchio ponte e l’ingresso nel paese camuno. Il costo dell’opera è attorno ai 2 milioni e 500 mila euro e l’appalto dovrebbe concludersi entro fine anno, con l’apertura del cantiere nella primavera 2016.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136