QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Conferenza dei servizi sulla bonifica dell’ex Selca di Berzo Demo

giovedì, 8 maggio 2014

Berzo Demo – Il caso ex Selca sembra avviarsi verso una soluzione, almeno sulla carta. Infatti si è tenuta la tanto attesa conferenza dei servizi allo Ster di Brescia, alla presenza dei tecnici di Regione, Provincia e Comune, oltre alla presenza di amministratori, tra questi il sindaco di Berzo Demo, Corrado Scolari, e del curatore fallimentare della Selca.

La querelle sulla bonifica dell’area si traBerzo Demo 1scina ormai da anni e ha anche infiammato più di una campagna elettorale. La questione è stata posta in Parlamento, nel question time di quasi due mesi fa, al ministro all’Ambiente, Gianluca Galletti, dall’onorevole Davide  Caparini.  Dal 2009, infatti, rifiuti molto pericolosi risiedono in un capannone abbandonato di Berzo Demo a seguito del fallimento della ditta che avrebbe dovuto smaltirli. E’ una vera e propria emergenza ambientale laddove la deindustrializzazione ha lasciato ferite aperte e profonde.  

Per  affrontare la questione si è tenuto un incontro importante allo Ster di Brescia, dove, presente il curatore fallimentare di Selca, è stato fatto il punto sulla messa in sicurezza dei capannoni, che vede tuttora stoccate montagne di rifiuti. La conferenza dei servizi, particolarmente affollata, ha trovato una indicazione di massima: definire un documento con le priorità sulla bonifica dell’ex area Selca. Su questo c’è l’accordo, pii dovranno essere trovati i fondi per avviare la bonifica e qui i tempi saranno sicuramente più lunghi.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136