QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Confartigianato: Massetti promuove l’innalzamento del limite per i contanti a 3mila euro

martedì, 20 ottobre 2015

Brescia - Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Imprese Unione di Brescia e Lombardia, appoggia la misura del Governo di innalzare il limite al contante da mille euro a 3mila.massetti

«Contanti a 3mila euro? Misura utile. In questa fase ci pare una proposta distensiva da parte di uno Stato che vuol fare meno paura ai cittadini e alleggerire le preoccupazioni nel far circolare più contante. Circa l’evasione – aggiunge Massetti – il problema attiene alla coscienza e ai comportamenti dei singoli e in proposito non è l’oscillazione di una soglia di contante a farne la differenza.

Per contrastare l’evasione si devono sostenere ulteriori iniziative normative in materia di tracciabilità dei pagamenti e di fatturazione elettronica. E prevista in tale direzione c’è una specifica procedura per i negozianti che devono comunicare alle Entrate gli estremi del conto corrente su cui depositano gli incassi. Ma, soprattutto, ritengo sia necessario rendere meno costose le operazioni tracciate, in modo da rendere più concorrenziali i pagamenti con bancomat e carte di credito». Una misura utile, dunque, per sostenere la tiepida ripresa dell’Italia.

Tra le altre richieste di Confartigianato alla manovra finanziaria: la proroga per il 2016 delle agevolazioni fiscali relative agli interventi di ristrutturazione edilizia, compreso il “bonus mobili”, e di riqualificazione energetica; l’abrogazione del meccanismo dello “split payment” che, oltre a procurare notevoli difficoltà finanziarie a tutte le imprese fornitrici della P.A., risulta anche superfluo a seguito dell’introduzione obbligatoria della fatturazione elettronica nelle transazioni commerciali effettuate nei confronti della Pubblica Amministrazione; il ripristino, infine, della precedente misura del 4% della ritenuta applicata dalle banche sui bonifici relativi a detrazioni fiscali in quanto l’attuale ritenuta dell’8% risulta eccessivamente onerosa per le imprese.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136