QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cividate Camuno: incontro sui fondi europei e statali. Nadro: “La Valle Camonica si concentri su un progetto”

lunedì, 29 febbraio 2016

Cividate Camuno –  Un confronto aperto sul futuro della Valle Camonica. Si è svolto - convocato dalla consigliere regionale Donatella Martinazzoli (Lega Nord) – un incontro sul tema “Strategia nazionale aree interne-Lombardia” e alla presenza del dirigente regionale del settore Programmazione e Progetti integrati per lo Sviluppo delle Aree Montane di Regione Lombardia, Alessandro Nadro.

Valle camonica aree vaste

Presenti nella sede dell’Incubatore di Imprese di Cividate Camuno (Brescia)  il consigliere regionale Fabio Fanetti, quindi amministratori locali, imprenditori, operatori del terzo settore e dell’università e tecnici in enti locali. L’esperto della Regione Lombardia ha illustrato i criteri che Ministero e Regione seguiranno nella scelta delle due aree interne che devono ancora essere assegnate.

La disponibilità è di 27 milioni di fondi europei e statali che verranno destinati al rilancio delle due aree che presenteranno il migliore progetto di rilancio. L’esperienza della provincia di Sondrio, dove sono state individuate ben due aree,  Valtellina e  Valchiavenna, non sarà ripetuto.

Secondo Alessandro Nardo – che ha riposto alle domande di amministratori e tecnici “la Valle Camonica deve concentrarsi su un unico grande progetto capace di avere ricadute sull’intera valle”. Il primo passo da compiere. è coinvolgere le imprese. La proposta sarà tanto più interessante quanto più vedrà uniti pubblico e privato per creare occupazione ed impresa. Per quanto riguarda i Fondi ODI, è possibile farli confluire in un unico progetto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136