QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Cinque furti in abitazione tra Sonico e Malonno: prelevati duemila euro in contanti e oro, carabinieri arrestano due albanesi

domenica, 11 maggio 2014

Malonno – La scorsa notte, nell’ambito dell’attività di prevenzione del fenomeno dei furti in abitazione, i Carabinieri della Stazione di Cevo, in collaborazione con quelli di Vezza d’Oglio e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Breno, hanno tratto in arresto K.A. 39 enne e M.E. 31 enne, entrambi cittadini di nazionalità albanese, senza fissa dimora, pregiudicati per reati contro il patrimonio, per il reato di furto aggravato in abitazione.Foto luogo furto del Comunicato di Breno (2)

I due, durante la notte, hanno commesso, nelle località “Rino” di Sonico e “Borgonuovo” di Malonno, cinque furti in abitazione mentre i proprietari erano ivi presenti e dormivano. In quasi tutti gli episodi, è stata adoperata la tecnica del “buco” consistente nell’effettuare un piccolo forellino con un trapano negli infissi per poi infilarvi uno strumento metallico per sganciare i sistemi di chiusura posti all’interno.

Verso le 4 di notte, nel corso del tentativo di un ulteriore furto, il proprietario di casa, svegliato dai rumori provenienti da dietro una finestra, ha messo in fuga i ladri e richiesto, tramite utenza 112 attestata alla Compagnia di Breno, l’intervento dei Carabinieri. Tutte le pattuglie presenti in Val Camonica sono state fatte convergere in zona. Poco dopo, la pattuglia dei Carabinieri di Cevo, in una strada secondaria, intercettava e bloccavauna vettura con a bordo i due soggetti. Nel corso della perquisizione, veniva rinvenuta la refurtiva costituita da oggetti in oro, quasi duemila euro contanti e strumenti elettronici, nonché gli attrezzi da scasso.

Nella stessa mattinata di ieri l’Autorità Giudiziaria di Brescia, ha convalidato l’arresto e disposto che in due fossero reclusi in carcere in attesa del processo previsto per il prossimo 29 maggio 2014.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136