QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad

Cimbergo, oltre un milione per le opere sul torrente Varecola. Beccalossi: “Attenzione al territorio”

sabato, 30 gennaio 2016

Cimbergo – Sono stati stanziati tre milioni  per realizzare quattro interventi di mitigazione del rischio causato da frane in altrettante aree critiche della Lombardia. Con questi finanziamenti, ottenuti dal Ministero dell’Ambiente su proposta dell’assessorato all’Urbanistica della Regione sono iniziate le procedure di progettazione e realizzazione delle opere in collaborazione con i Comuni interessati. La notizia è stata comunicata dall’assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi (nella foto sotto a Edolo), annunciando la disponibilità di risorse.

Edolo Beccalossi

A CIMBERGO

Tra le opere spicca quello di Cimbergo (Brescia), finanziate con 1 milione e 230 mila euro. L’intervento prevede opere di difesa da frane lungo il torrente Varecola e Figna, dopo che, nel luglio 2015, la caduta di detriti ha intasato una vasca di accumulo lungo il torrente a monte del Comune di Ceto (Brescia), che funziona da presidio per l’abitato, la statale 42 e la ferrovia. Il materiale solido che può essere trasportato dal torrente è di gran lunga superiore alle capacità di trattenuta della vasca.

Nella zona alta del bacino le colate detritiche hanno fortemente inciso l’asta ed eroso lateralmente le sponde, che ora sono in condizioni di precaria stabilita’. Eventuali nuovi eventi o situazioni di instabilità dei pendii, che possono franare in alveo per mancanza di contrasto al piede, costituiscono condizioni di ulteriore aggravio della pericolosità e comportano necessari e urgenti interventi di messa in sicurezza. Regione Lombardia è già intervenuta con uno stanziamento di 40mila euro a favore del Comune di Ceto, per lo svuotamento della vasca di accumulo e con complessivi 250.000 euro a favore dei Comuni di Cimbergo e Ceto per i primi interventi di messa in sicurezza.

L’INTERVENTO DI DONATELLA MARTINAZZOLI

Sul finanziamento delle opere interviene Donatella Martinazzoli, consigliere regionale della Lega Nord e consigliere comunale di Cimbergo: “Esprimo grande soddisfazione per la conferma degli impegni assunti dalla Giunta Regionale sul fronte della lotta al dissesto idrogeologico. Attraverso le ingenti risorse stanziate (1,2 milioni di euro) sarà possibile continuare la messa in sicurezza avviata nel 2015 grazie ancora all’intervento di Regione Lombardia che aveva messo a disposizione circa 300mila euro, degli smottamenti che interessano il territorio di Cimbergo ma che minacciano anche l’abitato di Ceto, la ferrovia e la statale 42″.

LE OPERE 

L’intervento prevede di intervenire nella zona medio-alta del bacino, da dove hanno origine i trasporti solidi del materiale che arriva al fondovalle e mette a rischio l’incolumità delle persone mediante: ripristino e consolidamento delle briglie presenti e sovralzo di alcune; stabilizzazione del fondo alveo; stabilizzazione del piede dei versanti instabili con opere di contenimento; creazione di aree di accumulo delle colate detritiche.

“Questi fondi – conclude Viviana Beccalossi – ci permetteranno di risolvere alcune situazioni particolarmente delicate. Questo non toglie che l’attenzione di Regione Lombardia sul fronte del dissesto idrogeologico rimane alta, come confermano le nostre richieste al Governo e a Italia Sicura sul Piano nazionale 2015-2020, che ammontano a oltre 600 milioni di euro”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136