QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cevo/3 La morte di Marco Gusmini e i tanti interrogativi sulla tragedia. Domenica i funerali

venerdì, 25 aprile 2014

Cevo  (Al. Pa.) – Il giorno dopo la tragedia un silenzio è surreale. Qualche curioso sale all’Androla, turisti ignari delle tragedia che si fermano a debita distanza, visto che l’area della Croce del Redentore e dedicata a Papa Wojtyla ideata da Enrico Job  è stata posta sotto sequestro della magistratura che ha avviato l’indagine sulla morte di Marco  Gusmini.  A Cevo tutti gli eventi sono stati annullati, mentre a Lovere, dove abitava Marco Gusmini, lutto cittadino per tre giorni e manifestazioni cancellate.

CHI ERA MARCO GUSMINIcevo tragedia2

Figlio di Luciano e Mirella Collini, Marco aveva 21 anni, ed era un educatore dell’oratorio di Lovere. Appassionato di calcio e tifoso dell’Inter, era sempre al fianco  dei ragazzi dell’oratorio e anche ieri era salito a Cevo per una gita con i ragazzi, dove poi è stato ucciso da quella croce che si è spezzata.

I nonni materni erano giunti dal Trentino negli anni ’50 e aveva aperto un’attività commerciale. I commenti si sprecano: “Era una persona dolcissima e la sua famiglia gli era sempre vicina”, è il commento degli amici.  Oggi davanti alla sua casa c’è  il via vai di parenti e amici che hanno portato il cordoglio per la perdita di Marco, figlio unico di Luciano e Mirella. Il funerale sarà celebrato domenica pomeriggio nella basilica di Santa  Maria Valvendra di Lovere. Intanto nel pomeriggio la salma di Marco Gusmini è arrivata a Lovere e la camera ardente è allestita nell’abitazione di famiglia in via Papa Giiovanni XXIII.

L’INCHIESTA

La Procura di Brescia ha posto sotto sequestro l’area dove è accaduta la tragedia nelle prime ore del pomeriggio di ieri. Il sostituto procuratore Katy Bressanelli ha ricevuto una dettagliata relazione da carabinieri e vigili del fuoco. Presto sarà nominato un perito per chiarire le cause. Uno dei primi interrogativi a cui dovrà dare una risposta sarà:  Come mai quella croce in legno si è spezzata?.  Sono già stati chiesti al Comune i documenti sul tipo di interventi e sulla manutenzione effettuata negli ultimi tempi.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136