QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Cevo: successo del Festival per la Fisarmonica di Valsaviore e mostra di antichi strumenti

martedì, 18 agosto 2015

Cevo – Grande successo per la VII edizione del Festival della Fisarmonica di Valsaviore e la rassegna internazionale di fisarmoniche che si è chiusa ieri sera. E’ diventato una tradizione del Ferragosto Cevese, grazie a un successo cresciuto nel corso degli anni e una partecipazione sempre più numerosa da parte del pubblico:  il Festival della Fisarmonica di Valsaviore, rassegna internazionale di artisti, organizzata da Pro Loco Valsaviore, Associazione El Teler, con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comunità Montana di Valle Camonica e Unione dei Comuni di Valsaviore.

Il direttore artistico, Marco Davide, è uno dei maestri fisarmonicisti più apprezzati e conosciuti in zona e non solo: allievo di Ugolino Sgrafetto e di Eugenia Marini, la sua attività musicale si divide tra serate da ballo e concerti con brani d’ascolto in Lombardia e in tutt’Italia. Al suo attivo, numerosi premi nazionali e internazifestival Fisarminoca Savioreonali, a Francoforte e Monaco di Baviera in Germania, nel Principato di Monaco, a Nizza e Grenoble in Francia, a Sanremo, Stresa, Erbezzo, oltre a numerose vittorie ed esperienze al fianco dei più noti concertisti contemporanei. La direzione organizzativa è di Battista Ramponi, che nel corso degli anni ha saputo fare crescere una manifestazione di grande richiamo artistico e anche turistico.

Nell’edizione 2015 del Festival ci sono state conferme e novità: accanto a Marco Davide, tornerà Daniele Zullo, anche lui fisarmonicista, clarinettista, esperto studioso di musica tradizionale cimbra, vincitore per due volte di seguito del prestigioso premio “Rugantino D’Oro”, concertista in tutto il mondo nonché organizzatore della “Festa Internazionale della Fisarmonica”, che si svolge a giugno in provincia di Verona, nel Comune di Erbezzo.
Tra i grandi nomi che si sono esibiti ieri  il campione genovese Gianluca Campi, uno dei più celebri fisarmonicisti italiani, definito “enfant prodige” dal grande Wolmer Beltrami: dotato di una vasta cultura musicale, eclettico e capace di strepitosi virtuosismi, Campi sa incantare il pubblico come pochi, sia gli intenditori, sia la gente comune che apprezza la fisarmonica soprattutto nelle sue espressioni più popolari. Tornano anche Rossano Mancini, Giancarlo Salaris, Romeo Cooperfisa; per la prima volta sul palco di Cevo, Marco Valenti ed Elisa Goldoni. Ospiti d’onore, Bruna Ceneri e Ferdinando Mottinelli.

Durante la manifestazione, presso l’edificio della scuola primaria di Cevo è stata allestita Fisarmonca mostra a Cevola mostra espositiva “Fisarmoniche di ieri e di oggi”, della collezione Carminati, con le fasi evolutive della fisarmonica, la classificazione degli strumenti e i personaggi che hanno ruotato e ruotano intorno ad essa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136