QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cevo: riapre il 6 agosto la mostra su “Volti e luoghi della Resistenza”

sabato, 23 luglio 2016

Cevo – E’ stata allestita dal Museo della Resistenza della Valsaviore con il contributo di artisti camuna la mostra “Volti e luoghi della Resistenza”, aperta lo scorso 3 luglio in occasione della cerimonia del 72° incendio del paese e ad agosto sarà riaperta, sempre nella location delle scuole elementari di Cevo (Brescia), sarà riapetrta.

Due gli eventi: sabato 6 agosto alle 21 inaugurazione mostra con la presenza degli artisti, sabato 20 agosto, alle 21, letture musicate con la cantautrice Valentina Soster dal titolo: “La Salva, l’Enrichetta e la Rosi: donne di Resistente Bellezza”.

La mostra di quattro artisti camuni ha come tema la Resistenza: Giunone Biondi, Edoardo Nonelli, Sabrina Valentini e Gio Mario Monella.

Edoardo Nonelli espone disegni originali che sono stati pubblicati sul libro “La terza età della Resistenza” di Tullio Clementi e Luigi Mastaglia, edito a cura dell’Ecomuseo della Resistenza in Mortirolo e del Comune di Sonico. Disegni ed illustrazioni che, nell’arricchire la pubblicazione, rappresentano alcuni tragici momenti della guerra di liberazione in Valle Camonica e alcune figure di Partigiani che hanno combattuto contro i nazifascisti per conquistarci la libertà, a volte con il sacrificio della loro vita.

Sabrina Valentini era presente con le sue illustrazioni che hanno arricchito i libri “Il Racconto di Rosi”, “Il Racconto di Enrichetta” e “Il Racconto di Gino” pubblicati dal Museo della Resistenza di Valsaviore, ANPI di Vallecamonica, Circolo Culturale G. Ghislandi.

Lo Scultore Gio Mario Monella ha esposto alcune delle sue sculture, prodotto di un lavoro duro e ricco di fantasia artistica, lui stesso ebbe a dire “… si tratta di togliere il superfluo per liberare il tempo, la figura, il soggetto …”. Con le sue opere propone sogni perenni di vita, di pace, d’amore, di gioia, di gioco, irrimediabilmente impastati con il dolore, il pianto e la tragedia. Il Museo sarà visitabile – ingresso libero – dal 6 al 20 agosto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136